elinepal:

Dovere di ogni persona lottare perché questo non accada

Originally posted on il ricciocorno schiattoso:

Una traduzione da As an ex prostitute, I urge all the political parties to commit to the Sex Buyer Law – Prostitution is not a woman’s right. It is the end of women’s rights.

gabbia

Sostengo la campagnaEndDemand, chechiede algoverno del Regno Unitodi criminalizzarel’acquisto disesso edepenalizzarela vendita disesso-proposta nota comela‘Sex Buyer Law’.E auspico che il cambiamentoavvenga presto. Perché?

Perché sonoun’exprostituta.

Ho cominciato a prostituirmi a 20 anni, per gentile concessionedel mioallorafidanzato’. Oggi usoil terminemagnaccia’, ma allora le coseeranomolto più confuse.

Sono stata vendutaasconosciutodoposconosciuto. A volte accadeva che facessi sesso congruppi di uomini, a voltevenivano acasa. Era terribile. Questo è, ovviamente, un eufemismo-maper certe cose…

View original 841 altre parole

foto-2

il 15 agosto mi sveglio presto.
rimango a letto girata sul fianco fino a quando la cagnetta mi si sdraia accanto e mi infila il naso tra la spalla e il collo e mi scava la schiena con le unghie. vuole uscire. le apro la porta e la faccio andare da sola per il paese fino alla strada che costeggia la campagna. inseguisse pure gatti e lucertole, non ce la faccio a vestirmi e seguirla. mangio uno yogurt e bevo un caffè e poi mi ributto a letto.
la solitudine è uno stato dell’anima.
solitamente mi accade d’estate.
ricordo momenti. il mio diciottesimo compleanno festeggiato con una crostata di visciole in montagna con mia madre e i miei fratelli. forse c’erano anche le zie. però ero sola.
il giorno in cui arrivò la notizia della morte di Borsellino. ero su un’isola con la ventitreenne, allora aveva un anno, e suo padre. ero sola anche allora. guardavo, come guardo ora, le altre coppie. e mi chiedevo cosa avevo io di sbagliato. cosa avevo immaginato fosse l’unione di un uomo e una donna. e ora? cosa immagino oggi?
quale tarlo ho dentro per non riuscire a smussare questo stato che mi porta a cercare, creare, vivere la solitudine.
arrivo a piedi al paese vicino. compro i giornali, faccio un po’ di spesa. incontro, come sempre qualcuno che vuole assolutamente offrirmi un caffè. qui a sud ancora sentono il dovere di ospitalità per gli stranieri. il sindaco e l’assessore sono contenti di come sta andando il festival, mi sento onorata della loro attenzione. riesco dopo un poco a defilarmi e dopo aver fatto un po’ di spesa per il pranzo torno verso casa.
il pranzo di ferragosto:
speck, pomodorini e freselle. con falanghina ghiacciata.
dormirò, poi andrò di nuovo in montagna, a passeggiare nel bosco di castagni seguita dagli occhi dei cinghiali. lo sento il loro respiro dietro i cespugli, i loro movimenti bruschi. a volte credo di aver sentito anche il loro odore. vado in giro con il naso alzato come la cagnetta. ascolto il respiro degli alberi e mi nutro del verde delle felci giganti. la sera, come ogni sera, sarò di nuovo personaggio pubblico. sorriderò e parlerò e avrò come sempre la simpatia di tutti. prima di tornare alla mia solitudine.

street art writer Hush Moments in soul

street art writer Hush
Moments in soul

 

tu hai l’agio di non essere

basta un click e non sei

hai l’agio di tornare nell’etere da dove sei arrivato

quale filo fragile per tenere assieme due vite

le parche avevano il fuso

per creare

e poi forbici

per tagliare

i fili che reggono la vita

tu hai solo il gesto di un dito, piccolo, impercettibile

click

io posso solo stare

in attesa

o anche non

ma non ho l’agio di

agire

decidere come o dove o quando

sto

alle volte gemo

altre graffio

quando riaffiorano vecchi dolori

antichi tradimenti

e ferisco

lo so

sono brava in questo

ho imparato molto presto

so colpire con unghie affilate

nel punto preciso dove so che fa male

le geishe imparano fin da bambine a tutelare i loro spazi

ma devono agire nell’ombra

muovere fili trasparenti come quelli tessuti da aracne

e devono saper stare

sento il suo corpo addormentato accanto al mio.

a tratti i suoi muscoli fremono

come stesse sognando di correre.

si stringe a me.

il suo contatto mi piace,

mi fa sentire protetta

calda

amata.

ora arriva l’altro.

si mette sul letto delicatamente

ma poi tenta goffamente di salirmi sopra.

mi agito e desiste

si sdraia sull’altro lato.

gli faccio una carezza rapida e lo sento  rilassarsi.

poco dopo il suo respiro regolare mi dice che si è addormentato.

mi riempiranno il letto di peli, lo so

ma dormire tra cane e gatto non ha eguali.

 

 

autostrada-notte

cento all’ora di notte a Roma

in moto, con abbastanza alcool in testa da pensare che il guardrail che ti sfila accanto in fondo non può essere così duro

abbastanza fiducia in chi guida da stringere le gambe e assecondare il piegamento sensuale di una curva

l’aria sotto il casco entra tiepida nelle narici, profumo di tiglio in fiore e fumi di benzina

la brezza avvolge le gambe e alza la gonna e ti senti ragazza

torna in un flash l’immagine di un’altra notte, un’altra moto

la prima sera di libertà, ambita, sognata e divenuta reale

più bella del sogno

al punto da temere un risveglio improvviso

nessun sogno più ora

ma una risata di gioia mi sale lo stesso

e alzo la testa, felice di essere ancora viva

e ancora io

anello-con-diamante-giallo-kwiat_1

ieri ci siamo viste con un’amica che ho conosciuto la prima volta ad un aperitivo con altra amica e rincontrata poi per caso due anni fa, perché ha iscritto il figlio nella stessa scuola dove va il piccoletto.

si era appena trasferita a Roma. il marito una mattina le ha detto che erano sei mesi che aveva una storia e voleva seguire la sua via. non era la prima volta che si parlava di corna (messe da lui a lei) e così lei ha preso una valigia e il figlio ed è tornata a vivere nella sua casetta romana. ha rinunciato alla villa con giardino, piscina, vasca idromassaggio, dove nel frattempo si è insediata la napoletana tinta rifatta. ha rinunciato al lavoro che aveva costruito negli anni con lui raggiungendo risultati molto soddisfacenti. si è però ripresa la dignità che  aveva seppellito in dieci anni di matrimonio decisamente pendente verso la maternità. ha passato l’anno più duro della sua vita ma ora sorride di nuovo. il figlio ancora ne deve uscire. io non le ho mai raccontato che invece ho rinunciato ad un uomo che non ha rinunciato alla sua famiglia per me.

abbiamo lasciato i piccoletti al Vigamus, mitico museo del videogioco dove non eravamo riusciti ad entrare durante La notte dei musei, e siamo andate due ore in giro a praticare un po’ di windows shopping. guardare e non comprare.

non mi capita mai. né di lasciare il piccoletto in un luogo pubblico anche se dedicato ai ragazzi (pare che li si faccia), né di andarmene due ore a passeggio a guardare borse e scarpe e vestiti. ieri mi ha fatto piacere. siamo arrivate alla Coin, dove lei si è spruzzata un po’ del suo profumo preferito, che ha finito e ordinato da un profumiere amico che le fa molto sconto, e io ho visto con orrore tornare di moda vestitini mini che non potrò mai indossare.

all’interno della Coin c’è un negozio Tiffany. sì proprio il mitico Tiffany di Audrey. io mi sono ricordata di un giorno, poco prima delle feste natalizia, in cui ero entrata nel grande magazzino alla ricerca di un regalo  ed ho visto un gran numero di uomini guardare e comprare piccoli gioielli da Tiffany. ho avuto un tal sbotto di invidia che ho dovuto cambiare negozio. non per il gioiello in se, per il fatto che mi sono resa conto che era un tempo davvero troppo lungo in cui nessun uomo si era fermato in un qualunque negozio a comprare qualcosa per me.

ieri ci siamo fermate a guardare le vetrinette e ho visto per la prima volta nella mia vita il meraviglioso diamante paglierino. è davvero giallo. è supersplendente. è bellissimo. e io l’adoro.

quando ho raccontato alla mia amica del gran numero di persone di sesso maschile impegnate ad acquistare un gioiello si è meravigliata anche lei. davvero ci sono ancora uomini così? pare….

il modo è diviso tra uomini generosi e non. uomini che fanno regali e uomini che si aspettano regali. uomini che non attendono natale o un compleanno per regalare qualcosa e uomini che manco in presenza delle feste comandate ti sganciano un pensierino. uomini che hanno discrete possibilità economiche ma non ci pensano per niente a fare anche la minima sorpresa e invece uomini che stanno davvero in bolletta ma ti portano magari un bellissimo orologio arancione comprato dal cinese per ravvivare la tua cucina.

io non sono avida, non pretendo di essere conquistata con doni o gesti eclatanti, però so che dietro un dono c’è un pensiero e che le persone tirchie sono spesso aride e narcisiste. ho ricevuto tanti bellissimi regali dal mio ex marito, che infatti è uomo generoso e disponibile. ne ho ricevuti zero dal padre del piccoletto, al quale ne ho fatti invece molti. normalmente non andavano bene, dovevano sempre essere cambiati. e anche questo è un segno.

conservo piccole cose che mi sono state regalate con il cuore e tengo molto ad un bracciale che è stato il regalo di mio padre a mia madre per la mia nascita. di alcune persone non ho nulla. nessun oggetto nemmeno lasciato per sbaglio. ed è un segno. chiunque fosse interessato, comunque, sappia che il diamante giallo è il mio preferito.

Rosso di Persia

La mia indipendenza è la mia forza, implica la solitudine che è la mia debolezza. (Pasolini)

Just another WordPress.com site

LaCaSaDiLaPo

un posto come un altro per scrivere, leggere e far di conto. ma il conto non torna mai.

Viale Premuda 46, 20129 Milano..... Tel: +39 02 778863.1.............................. Fax: +39 02 778863.258........................ www.lombarddca.com...................... info@lombarddca.com......................

Keypaxx

Vita, storie e pensieri di un alieno

Sik-Sik

Il blog del TFP

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Photography Through My Eyes

Jennifer Hearn's Photography Blog

Brum Brum Grimm, Fiabe Mobili

Il Teatro Viaggiante del Nano Egidio

Paola Think'n'Tell

Paola Tinchitella © tutti i diritti riservati

FateBeneSorelleTeatro

Patricia Zanco

lilasmile

Un sorriso può aiutare a Vivere

Liberlist

Libri, media, moda e cultura pop e altre cose (a)variate

Dasgiancarlorizzo's Blog

puer aeternus : fiero ed orgoglioso di esserlo.

PAC

Magazine di Arte & Culture

di isotopi radioattivi, cimeli e qualche amenità

comincia per Esse, la parola cianfrusaglie

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 478 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: