archivio

Archivio mensile:febbraio 2013

285709_268621809937873_728009875_n

Io parlo all’amore. Lo scortico dall’incrosto / nel sogno e ne faccio musica storta / ne faccio delicato vento che solleva o / dondola / e impollina al cuore. Alla scomposta / mente, impollina l’occhio con l’occhio / l’occhio con l’animale e viene il bello / che ci sviva, ci sviva tutti. Di più.

Mariangela Gualtieri/ Fuoco centrale e altre poesie per il teatro

Niente di più adatto, e giusto e calzante per la giornata odierna, per il mese in corso, per l’anno che verrà

noisuXeroi

…..del 1976 …….. MILLENOVECENTOSETTANTASEI……….

ringrazio Signorina Caso Umano per lo splendido spunto

1976 – 2013

“Non serve dirvi che le cose vanno male, tutti quanti sanno che vanno male. Abbiamo una crisi. Molti non hanno un lavoro, e chi ce l’ha vive con la paura di perderlo. Il potere d’acquisto del dollaro è zero. Le banche stanno fallendo, i negozianti hanno il fucile nascosto sotto il banco, i teppisti scorrazzano per le strade e non c’è nessuno che sappia cosa fare e non se ne vede la fine. Sappiamo che l’aria ormai è irrespirabile e che il nostro cibo è immangiabile. Stiamo seduti a guardare la TV mentre il nostro telecronista locale ci dice che oggi ci sono stati 15 omicidi e 63 reati di violenza come se tutto questo fosse normale, sappiamo che le cose vanno male, più che male. È la follia, è come se tutto dovunque fosse…

View original post 277 altre parole

Giorni fa sono capitata su questo video. Guradatelo. E se lo guardate fatelo fino in fondo.

E’ straordinario perchè sembra di godere la stessa pace e la stessa serenità di questa bimba.

Bellissimo, vero?

La cosa che mi ha fatto pensare è come il rapporto con gli altri parta tutto da li. Avere questo tipo di accudimento e amore. Dolce, caldo, calmo. Ecco calmo, caldo e avvolgente. Avere un tipo di accudimento del genere quando si è  minuscoli da la possibilità di avere un rapporto con gli altri molto positivo. Avere il calore e il contatto avvolgente quando si è appena nati, e poi da minuscoli e piccolini, avere quel tipo di dolcezza e sicurezza affettiva rende gli individui adulti liberi. Liberi e sereni nei loro rapporti umani, nelle relazioni in generale e nelle relazioni affettive in particolare.

Io ho avuto una madre molto giovane e impreparata e, nonstante fosse anche dolce e “fisica”, molto dura alle volte. Un padre decisamente autoritario. Poche smancerie. Educazione un po’ militare. Di quelle che basta uno sguardo e non servono le parole. Se ne vantava.

Questo tipo di rapporto è stato inevitabilmente, in parte, quello che ho avuto con i miei figli. In particolare con la ventunenne. Con lei sono stata decisamente più rigida nelle regole, più dura nelle situazioni critiche. Meno incline all’emozione e più portata a minimizzare i suoi problemi. E’ andata meglio al piccoletto. L’ho avuto tardi e quindi ero sicuramente più matura e avevo fatto percorsi importanti di lavoro con me stessa. La maturità porta ad un’empatia maggiore? Si forse è così.

Certo ci ho messo anche del mio. La fisicità per esempio. Tanta, esagerata, coccole a gogo’. Spero sia servito a mitigare la durezza.

Ma questo film mi ha toccato in fondo al cuore perchè questo è il tipo di rapporto che io vorrei avere sempre con tutti. E’ chiaro che non farei il bagnetto al portiere o al fornaio. Nè vorrei farlo al mio socio o a mia sorella. Però il concetto è quello. Far sentire le persone che sono in  relazione con me come fossero in una culla di acqua calda. Non male è? Sarebbe meraviglioso far stare le persone talmente a proprio agio da renderle felici solo per il fatto di essere accanto a te. Questo sarà il mio obiettivo più grande nel prossimo futuro.

E questo è quello che subito vorrei dire al mio amore. Io cercherò di essere per te la mano calma calda e avvolgente che ti sostiene e ti culla e ti accarezza. Questo vorrei fosse il mio essere al tuo fianco. Farti sentire che ci sono sempre e che puoi contare su di me, in qualsiasi situazione. Sicurezza, amore e accudimento.

very-inspiring

Ho avuto l’onore di essere scelta da Pandora e menzionata sul suo Blog nientedipersonalesolosesso come Very Inspiring Blogger.

Io in passato avevo detto, e lo sostengo, che questo tipo di menzioni e premi non fanno per me.

Ma Pandora è Pandora e il titolo dell’auord mi piace: Inspiring anzi Very Inspiring. L’ispirazione che ricevo da molti blogger è forte. Leggendo alcuni mi sciolgo dalle risate, altri mi emozionano e mi commuovono. Su alcuni mi fermo a pensare. A volte mi indigno e non di rado non mi capita di trovare contenuti banali e poco interessanti.

Quindi spero che Ella (sempre Pandora) abbia ponderato con attenzione chi andava menzionando.

In ogni caso le sono molto grata e la ringrazio e quindi mi allego la targa e passo alle regole del gioco (perchè non dimentichiamocelo mai, questo è un gioco)

Le regole :
1. Copia e inserisci il premio in un post .
2. Ringrazia la persona che te l’ha assegnato e crea un link al suo blog .
3. Racconta 7 cose di te .

Al contrario di come avevo immaginato di gestire il blog, di cose di me ne ho raccontate già molte, ora devo condensare il sette punti qualcosa che racconti di me, ora….. e questo capita in una giornata di quelle in cui, tanto per dire, dopo avere organizzato un aperitivo con un gruppo di amiche che non vedo da tanto, mi ritrovo invece con influenza intestinale a casa da sola a mangiare patate lesse. Comunque

  • ho la netta sensazione, già da alcuni mesi, di essere ad un punto di svolta della mia vita. il bello è che si sa sempre da dove si arriva ma non si vede ancora un cazzo di cosa c’è dietro l’angolo.
  • ritengo di dover essere paladina di un modo easy di essere femmine: non mi sono mai sentita meglio di quando ero incinta e non mi sono nemmeno accorta di entrare in menopausa.
  • amo le donne. non in senso biblico, dato che sono ancora etero, ma proprio come genere umano. ritengo siano fonte di grande ispirazione e ammirazione, per me. tutte, a prescindere da età, provenienza, cultura. escluderei solo quelle che si voglio fare il mio uomo.
  • negli ultimi mesi, dopo anni da gattara, ho riscoperto il mio lato canaro. ho sublimato la mia terza gravidanza con l’accudimento di Cicoria, cagna dolce e bastarda trovata su una strada del cilento.
  • sono consapevole di essere una donna estremamente fortunata. lo dico non perchè non abbia avuto e non ho abbia ora problemi, ma perchè ho avuto enormi occasioni  e fondamentalmente ho costruito la vita che sto vivendo ora con tenacia e passione.
  • la scoperta della gioia che mi da la scrittura è il punto di arrivo di un percorso di ricerca di una propria identità creativa che periodicamente trova sbocco su canali diversi.
  • l’ultimo punto, dulcis in fundo, è la immensa fortuna che ho come madre di aver avuto due figli incredibili. che ho visto crescere e sbocciare e che ritengo mi abbiano insegnato moltissimo.

4. Nomina 15 blog a cui vuoi assegnare il premio e avvisali postando un commento nella loro bacheca .

La questione qui si fa spinosa ma siccome ho accettato il dolce devo accettare anche l’amaro e quindi vado avanti random a costo di alienarmi delle amicizie

  • FarOVale perchè sono tre (almeno) e poi perché “Ci sono professioni libere e meno libere, professionisti, giocolieri e cialtroni, ci sono spettacolari tacchi alti e mocassini, ci sono chitarre suonate poco, cd masterizzati e youtube, musica e libri. Ci sono treni in ritardo e aerei soppressi, ma pur sempre viaggi e poi adolescenti problematici e imprenditori con le idee chiare (o viceversa). Ci sono rapporti familiari impegnativi, rapporti personali complicati, vicini di casa e c’è anche Bonnie. Ci sono appuntamenti talvolta notturni e una palestra con il pavimento di legno verde. Ci sono persone, cibo gustoso, alcol e stile. E stile, sempre, anche nei momenti peggiori.
  • Intesomale perchè è il tipico uomo che farebbe perdere la testa ad una me quindici anni fa e perchè “Scrivevo prevalentemente con lo scopo di spiegare quanto tutti siamo stronzi, io per primo. Curiosamente, c’è gente a cui non dispiace leggere cose del genere. Da gente, poi, siete diventati persone, e la cosa mi ha stupito come quando il vento solleva un’onda, e non te lo aspetti”
  • tana libera tutti  perché è arrivata ora, catapultata sul blog dal terribile fratellone Wish e già ha iniziato a tirare fuori la sua vera natura (categorie a parte)
  • edp – esercizi di pensiero perchè già dall’impaginazione del blog si capisce con chi hai a che fare
  • mostracci perchè è tutto quello che io no ho mai saputo ne mai saprò fare
  • notebookofhappiness per lo stesso identicomotivo di cui sopra e per farle capire che non me la sono assolutamente presa per non essere stata IO a vincere il cuore di san valentino, vabbè
  • Michele Caliban perchè “Solo una sana e consapevole libidine salva il giovane dallo stress e dall’azione cattolica”
  • le parole che non (ti) ho mai detto perchè è evidente che potrei essere io
  • Via Piodecimo 9  perchè “Se io fossi una donna che torna, è qui che tornerei.”
  • The tin red line(s) perchè leggetelo e poi capite perché
  • giolic perchè riesce ad unire l’emozione delle immagini a quella delle parole
  • tramedipensieri perchè è una delizia visitarla ed essere visitata da lei, e scusa Marta se ti metto in questo gioco!
  • l’isola che non c’è perchè “Essere bravi sarti non apre porte sul divenire più di quante non né disegni la speranza di oltrepassarle …”
  • e ora son arrivata al cuore delle ispirazioni Serbatoio di pensieri occasionali  (anche se forse ora il blog meriterebbe un nome … meno …. più…. non so, hai capito) perché è entanglement dal primo istante
  • Masticone perchè mi aveva nominata (e chi di award ferisce di award perisce) e per essere la mia unica vera ispirazione quotidiana.

Aggiornamento doveroso

Come ho anticipato non seguo normalmente questo tipo di attività premierecce sul Blog, ma è un gioco e questa volta mi ha fatto piacere portarlo avanti. E’ evidente che nessuno è obbligato a continuarlo, e soprattutto è evidente che tutto ciò debba continuare ad essere preso come un gioco.

Ci sono di quei giorni che sembra si concentrino nell’arco di poche ore tutte le questioni fondamentali della tua vita.

La giornata era partita anche bene. Un incontro con un artista strepitoso, con il quale spero di iniziare presto un progetto di lavoro, in una parte di Roma che amo molto: Piazza Vittorio. Ovviamente ho approfittato per fare un giro al mercato, facendo scorta di risi vari, spezie, curry, mandorle e pistacchi.

spezie

Con il sole e l’aria frizzantina Roma ti porta ad andare in giro. Nun ce la poi fà a tornare a lavorare. Ma poi arriva inesorabile la telefonata con il socio che mi richiama all’ordine con una richiesta perentoria di confronto sulla situazione sempre più complicata.

Più che complicata sembra quasi arrivata al capolinea. Momenti come questo farebbero rimpiangere a chiunque l’orrido lavoro impiegatizio fisso, ben pagato, mollato per fare l’arte. Ma purtroppo invecchiare non significa sempre diventare più saggi. E a quanto pare io sto invecchiando stolta. Perchè non mi rassegno e so che devo trovare le risorse per superare questo momento di stallo. E rilanciare. Deve esserci il modo.

Mentre si discuteva su un possibile suicidio di massa, il mio socio  la cagnetta ed io, mi arriva la telefonata  del mio amore in missione lavorativa simil suicida. Per non parlare di lavoro faccio battutine sulla sua sosta a pranzo con sconosciuta amica-amante-occasionale. Dalla risposta incazzata e piena di improperi e facendomi ovviamente pesare la mia assenza capisco che deve essere per forza andata così. Sarò stata certamente cornificata in un qualche punto del centro Italia,  E pazienza….

Non so se è stata la questione lavorativa, o la telefonata, o qualcosa che ho mangiato al volo a pranzo, ma inizio a sentire uno strano dolore alla bocca dello stomaco. Delle fitte sempre più forti. A pensarci bene le avevo anche ieri sera. E pazienza….

Vado comunque a prendere il piccoletto a scuola, cercando di convincerlo a tornare subito a casa. Ma c’è il sole e a Roma quando c’è il sole…. si sa.

Alla fine come Dio vuole, o Allah, o Javè, o tutti insieme, arriviamo a casa. Io ormai sono uno straccio. Ho delle fitte terribili. Sistemo il piccoletto con merenda, metto a bollire l’acqua per una camomilla, acchiappo un plaid e mi butto sul letto rantolando. Squilla subito il cellulare. Imprecando mi piego di lato per prenderlo e rispondere e mentre lo faccio sento un odore terribile. Un inconfondibile e chiarissimo odore di merda. Al telefono una voce di donna, sconosciuta, mi saluta. Io piegata a metà per le fitte mi guardo intorno annusando vedo con orrore una enorme cacca di gatto sul mio piumone grigio perla. La voce dice di essere Pinco Pallina della commissione mensa e che dovremmo esserci incontrate in una riunione a gennaio.

La Kommissione Mensa? Avevo iniziato a farne pare lo sorso anno, insieme ad un’altra mamma-amica. La nostra scuola è piccina e non ci sono tante classi. I cuochi sono sempre gli stessi da tanti anni, insomma una situazione tranquilla. Quest’anno è stata indetta per la prima volta una riunione della Komissione Mensa di tutti e tre le scuole che fanno capo al nostro Istituto. Una decina di mamme fomentatissime, più un papà, che disquisivano su grammatura e tempi di cottura e regolamenti di appalto alle ditte e opportunità di fare almeno due visite a settimana a sorpresa per controllare l’andamento delle mense. Io ovviamente sono stata subito del tutto impopolare bocciando questa frequenza talebana del tutto inutile in una situazione tranquilla come la nostra. Ma il massimo dell’impopolarità l’ho avuto quando, al termine di una lunghissima discussione su come ai nostri poveri figli venga negato il secondo piatto di pasta quando (si sa!) tanto il secondo non lo mangiano, ho alzato la mano ed ho detto che a casa mia si mangia tutto e che mi aspetto che a scuola insegnino lo stesso, e che se proprio non riesce a sopportare quel che ha nel piatto si tiene la fame.  Non so se hanno avviato le pratiche per togliermi la potestà o mandarmi gli assistenti sociali.

Cosa voleva da me ora Pinca Pallina della Kommissione Mensa? Io con un tono di voce meno rantolante possibile e con la nausea che andava aumentando alla vista della cacca sul mio letto, e alla conseguente immonda puzza, le ho risposto che ero in un momento un poco particolare e se potevamo sentirci, che so, dopo un’oretta? Non mi ha più chiamato. Mi dovrò certamente scusare.

Chi non ho scusato io è stato Arturo. Il grandissimo figlio di puttana che mi ha fatto la cacca sul letto. Mi ha punito perché stamattina l’ho lasciato chiuso, per tentare di dare una separazione al caravanserraglio mentre ero al lavoro. E pensare che tornata all’ora di pranzo lo avevo tanto coccolato e anche fatto delle bellissime foto. Bastardo!

arturo

A quel punto, piegata in due ho pulito il letto, ho bevuto la camomilla, ho vomitato due volte, ho rantolato circa un’ora e poi è passata.

Quindi poi cena per il piccoletto, per le bestie, giretto igienico della cagnetta, ed eccoci qua. A conclusione di una giornata di quelle che sicuramente un motivo c’è….

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: