anno nuovo nuove letture

20140102-145251.jpg

Ultimo dono di natale ricevuto che rivoluzionerà un poco il mio snobistico rapporto con i libri. Vedremo…….

Annunci
45 commenti
  1. Io li accumulo ….sia in versione stampata che in digitale ne ho almeno una quindicina ancora da leggere. E comunque continuo a preferire la cara vecchia carta

    • elinepal ha detto:

      Io non avevo ancora mai avuto rapporti con un ereader. E in modo assolutamente preconcetto non ho mai voluto acquistarne uno. Ora l’ho avuto in regalo e vediamo che effetto mi farà. Certo questo è molto piccolo, sta in una mano, quindi molto comodo da viaggio ….

  2. Io leggo praticamente da quando ho imparato a leggere e il profumo della carta è qualcosa di unico. Non userò mai la versione digitale. 🙂

    • elinepal ha detto:

      lo pensavo anche io, come vedi…..

  3. L’ho regalato al mio compagno (proprio un Kobo): ne è entusiasta. E anch’io, così la notte niente abatjour fastidiosa…

    • elinepal ha detto:

      un’arma di difesa personale, insomma….

  4. Silvia ha detto:

    anche mia figlia ce l’ha, ma l’amore per i libri cartacei non è mai finito 🙂

    • elinepal ha detto:

      infatti non vedo perché metterli in competizione

  5. Non so che dire, non ho un ereaderm non voglio averlo e parenti e amici sanno che meglio non pensino neppure a regalarmene uno se non vogliono litigare con me (lol)
    So di avere un atteggiamento forse un po’ eccessivo, ma per me un libro “deve” essere di carta, una schermata video… non so, toglie almeno la metà del piacere di leggere, a video faccio fatica a leggere persino un articolo di giornale, quindi no, grazie.
    Spero comunque che per te sia diverso perchè ammetto che in viaggio potrebbe essere comodo.

    • Gli ebook reader basati su e-ink non sono comparabili a una schermata video, perché non sono retroilluminati. L’esperienza di lettura è davvero assimilabile a quella della carta stampata. Magari prova, una volta, a leggere qualcosa su un kindle, o su un kobo. In piena luce, al sole. Solo per provare.

    • Non è questione di retro illuminazione dello schermo, mancherebbe comunque gran parte del piacere di leggere: la sensazione di tenere un libro tra le mani, di “gustarne” la consistenza, la fattura, l’odore, grazie non fa per me.

    • elinepal ha detto:

      prima di avere un blog, di passare molto tempo a leggere quello che scrivete, lo avrei detto anche io. ora sono, molto più di prima, abituata a leggere su uno schermo. lo schermo del kobo poi mi sembra molto meno fastidioso del mio mac, molto più soft. non so non ho ancora sperimentato ma credo che non mi dispiacerà.

  6. ff0rt ha detto:

    L’e-reader ha i suoi pro e i suoi contro, è un’esperienza di lettura un po’ diversa. A me piace alternare con la carta “tradizionale”. Ultimamente ho due libri in lettura: uno di carta ed uno no.

    • elinepal ha detto:

      si, credo che si possa scegliere per cosa usarlo

  7. Sarà che con i libri di carta ci lavoro tutti i giorni, che dopo un paio d’anni letteralmente rinchiusa nella sala settecentesca della biblioteca universitaria a catalogare seicentine di odore della carta ne ho impregnate le narici e non solo, sarà per questi e altri motivi ancora ma adoro il mio Kobo, e anche il vecchio bookeen che avevo prima del kobo. Ciò non toglie che ogni tanto mi venga il desiderio di leggere un libro di carta… salvo poi battere sul bordo inferiore per cercare di cambiare pagina come sul kobo;-)

  8. Ma poi, su un ereader come si fa a scrivere qualcosina a bordo pagina, o a sottolineare qualcosa a poi sottolineare più spesso qualcos’altro?=/
    Boh, io sono un pò scettica e non so se mi comprerò mai un ereader!

    • dipende dall’ereader. sul kindle è possibile sia scrivere una nota e associarla ad una specifica parola o frase, e sottolineare (evidenziare) brani interi. tutte le sottolineature le ritrovi negli appunti.

    • Non sapevo che ci fossero queste funzioni su alcuni ereader.. ma resta che se voglio sottolineare qualcosa più sottile e qualcosa più doppio non potrei farlo (o al max dovrei usare colori diversi ahahah)

    • Beh puoi sottolineare e annotare “doppio” 😉
      Il punto vero è che ci sono vantaggi e svantaggi, e curiosamente sento sempre appuntare l’attenzione sugli svantaggi. Tra i vantaggi c’è il fatto di portarsi una biblioteca in neanche due etti, di poter leggere dovunque, di poter ricercare una parola o una frase, di poter leggere anche se si sono dimenticati gli occhiali, visto che il font è ingrandibile, di stancare meno la vista, di avere il segnalibro automatico su tutti i libri che si stanno leggendo, di poter convertire documenti su cui si sta lavorando in libri che si possono portar dietro facilmente, eccetera eccetera eccetera… 🙂

    • elinepal ha detto:

      max, il mio futuro tutor e reader (uomoavvisatomezzosalvato) già ha ampliamente mostrato i pregi dell’attrezzo.pare che con il mio pini kobo io possa sottolineare (o evidenziare) e ricercare significati di parole e avere altre innumerevoli funzioni…. non so …. vedremo

  9. io ho la casa invasa dai libri che è chiaro, amo molto, ma gia’ da tempo ho un ebook-reader e non mi dispiace.
    certo, ne faccio un uso diverso da quello dei libri di carta e lo uso per i libri che non reputo fondamentali, ma in molte circostanze leggere un ebook e’ comodissimo, ad es in metropolitana, a letto, in condizione di luce scarsa.
    e’ come la scrittura a mano, per me grafologa importante e bellissima, ma che non mi impedisce di utilizzare e molto, quando necessario, la tastiera di un computer o di uno smartphone ecc.
    insomma, credo che non avere pregiudizi in questo, come del resto in tutti i campi, sia una cosa buona e giusta:-).

    • elinepal ha detto:

      assolutamente d’accordo, i pregiudizi sono la staticità, la curiosità è vita….

    • elinepal ha detto:

      si, un bel regalo di un amico prezioso.
      Un saluto a te, mia cara.

  10. Io lo adoro, leggero, pratico, non potrei più farne a meno … Peccato che non ci siano tutti i libri! Te ne innamorerai ….

    • elinepal ha detto:

      vedremo.. per ora l’ho solo trovato molto, molto carino…. ma presto riuscirò ad avere il tempo di usarlo, spero….

  11. Era ora! 🙂 Uno che mi somiglia te lo disse più di un anno fa… 😉 Scarica calibre, e poi ti mando delle istruzioni…. 😉

    • elinepal ha detto:

      certo coach!!

  12. Io mi sono convertita a metà. La narrativa in e-book. Sottolineo e prendo note, ma se devo studiare, preferisco il cartaceo. Ogni tanto ci provo, ma mi ci ritrovo meno…
    Buone letture!
    Chiara

    • elinepal ha detto:

      grazie! certo che sono un bel po’ indietro ancora…!!! recupero alla svelta però 🙂

  13. Ho un sony psr-t1 da oltre un anno… ma continuo a comprare la carta. Oddio, leggo qualcosa, ma molto meno di quel che pensavo. Il guaio è che dopo la cura drastica di sette anni fa per il trasloco nella nuova casa (ridotti i libri da 1000 a 300) sono di nuovo in piena emergenza spazio (ho raddoppiato il cartaceo) anche se ho circa 200 ebook.
    Chissà se per te il Kobo non faccia un miracolo.

    • elinepal ha detto:

      Sei stata eccezionale a ridurre così drasticamente la tua libreria. Io durante questo trasloco neanche ci ho provato…. 😊
      Vedremo, al momento non l’ho ancora preso in mano ….

    • Eccezionale o no, l’ho dovuto fare. Mancava lo spazio fisico.
      Per il Kobo mi dirai!

    • elinepal ha detto:

      si appena lo uso farò un aggiornamento.

    • elinepal ha detto:

      STATO
      Scusa

  14. duepassietorno ha detto:

    io tempo fa ho scaricato un e.book e sarà stato perché non mi piaceva particolarmente il titolo o che lo leggevo su un tablet (e non su un e.reader), ma dopo 30 pagine mi sembrava di non averci ancora capito niente. come se non riuscissi a concentrarmi… così ho abbandonato l’idea e sono tornata ai miei cari libri “in carne ed ossa”…
    ritenterò.
    A

    • elinepal ha detto:

      che centra… a me succede anche con certi libri.
      non so, credo che ad attrarre alla lettura non sia tanto il mezzo, quanto il contenuto.
      comunque appena sperimento il Kobo, ti aggiorno.
      grazie di essere passata

  15. Il mio kobo è nel cassetto inutilizzato da mesi perché da quando ho i-pad non posso più caricare gli e-book.
    Che i-pad è un gran cosa, ma troppo selettivo.
    Steve Jobs ha creato il suo business troppo chiuso.
    Ci saranno tremila libri, la dentro, che non riesco più a leggere.. Che spreco.
    P.S. Non comprarti un i-pad o un mac.
    Ciao!

  16. Molto pratico e molto leggero di sicuro, ma non potrà mai sostituire il piacere di leggere un vero libro.
    Ho un rapporto epidermico con i libri, li vivo, li stropiccio, li sottolineo, arrivo ad annusare i quotidiani perché adoro l’odore della carta stampata, e il frusciare delle pagine? Averne una pila sul comodino mi da sicurezza, entrare in una libreria è una promessa di infiniti viaggi. Quello di cui mi rammarico è non riesco più a trovare il tempo per leggere…

    • elinepal ha detto:

      pare che la maggioranza sia assolutamente pro carta. non discuto, lo sono anche io. però la curiosità e la voglia di sperimentare nuove modalità mi spingono a non disdegnare l’utilizzo di questo attrezzino…
      buona giornata!

  17. Topper ha detto:

    Arrivo solo ora, sto leggendo i post arretrati. Credo di avere il tuo stesso rapporto con i libri ma non mi sono ancora piegato a quell’aggeggio. Spero che fornirai qualche sviluppo…

    • elinepal ha detto:

      pigra come sono…. ci vorrà un po’….. la tecnologia mi frena

    • Topper ha detto:

      Siamo in perfetta sintonia allora.

    • elinepal ha detto:

      😉

  18. Nuzk ha detto:

    Ciao a tutti. Io ho l’ereader da 2 anni e devo dire che mi trovo bene. Ci sono libri che mi va bene acquistare in formato elettronico e costano anche un po’ meno (che non e male) e libri che non prenderei mai se non cartacei. Forse è solo questione di abituarsi un po’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: