di viaggi, famiglie, amori e figli

Quand’ero ragazzina mio padre diceva, a me e mia sorella, che prima di conoscere il mondo avremmo dovuto conoscere bene l’Italia.

Metodico, lui.

Preciso, scientifico e metodico.

Infatti ogni estate, a metà agosto, dovevamo partire con lui per il fatidico viaggio. Nulla di grave, beninteso. Ma mi sarei suicidata, piuttosto. Venne un’età in cui per rendere le giornate più veloci andavo a letto alle otto. Sissignore, in viaggio con mio padre e mia sorella, in albergo, d’estate, alle otto ero a letto. Chiudevo gli occhi e immaginavo cose.

In realtà non ho mai smesso, di chiudere gli occhi e immaginare cose.

Così abbiamo visitato la Sicilia, la Puglia, la Calabria e il Veneto. Arrivò poi un anno di crisi finanziaria definitiva e i nostri viaggetti estivi finirono su un traghetto per l’Elba mai preso. Peccato. Quell’anno avevamo anche gommone e sci d’acqua, sarebbe stato fico.

thai_airways_01_4183_4974

In questo momento la (ormai) ventiduenne è in volo verso la Thailandia. Scalo al Cairo e poi a Bangkok. E poi Vietnam e Cambogia. Un mese di viaggio.

Sono in due, lei e un’amica. Hanno prenotato il volo di andata e quello di ritorno. Ah! Dietro le insistenze di mia sorella (che ho pregato di intervenire in quanto viaggiatrice esperta e stata in quei luoghi due anni fa) hanno prenotato l’Albergo in cui dormiranno domani (spero) a Bangkok.

Io avevo 24 anni quando partii per la Thailandia. Con il mio futuro-ex-marito-padre-della-ventiduenne.

Lo avevo conosciuto l’estate prima, il giorno del mio ventiquattresimo compleanno. Lui ne aveva 40. Venne alla mia cena di compleanno accompagnato da amici comuni. Era  un bell’uomo scapolo, che dimostrava molto meno della sua età nonostante i capelli completamente bianchi da oramai un decennio, e che quell’estate fece qualunque cosa per farmi notare quanto era fico. Racconti dei suoi viaggi intorno al mondo, immersioni in apnea nel mar di Sardegna recuperando anfore romane (giuro!), grandi servizi fotografici con ingrandimenti di miei profili marini stampati su lastre argentate…. insomma mi innamorai.

Quando organizzammo questo primo mega viaggio insieme io ero a mio primo mega viaggio.

Lui super esperto viaggiatore prese in mano tutta la questione.

Iniziai ad avere i primi sospetti quando non riuscii a convincerlo che una carta di credito era molto meglio che viaggiare con rotoli di contanti o voucher.

Ebbi poi una strana sensazione quando fummo chiamati e fatti scendere dall’aereo (sbagliato) della Thaj che partiva in coincidenza con il nostro volo (giusto ) della Qantas.

Quando capii che ad ogni frase che ci rivolgevano in inlgese rispondeva sempre nello stesso modo perchè non capiva assolutamente nulla, presi in mano guida, documenti e gestione del viaggio.

Lui me lo lasciò fare, perchè era molto innamorato e uomo intelligente e sapeva come darmi dei contentini per tenermi buona.

Fu un viaggio memorabile. Super preparato in tutti i dettagli: collegamenti, trasporti, alberghi, coincidenze. Passammo dalla Tailandia all’Australia. Lizard Island sulla barriera corallina. Un sogno.

Dopo quattro anni nacque la creaturina che ora sta volando senza nessun tipo di prenotazione verso un viaggio di un mese tra Thailandia, Vietnam e Cambogia. Senza di me. Senza suo padre. Con un’amica più stordita di lei.

Mi dicono che devo stare calma. Non tragicizzare. Accettare che lei è ormai una donna e trattarla come tale.

Sè, vabbè. Ne riparliamo…..

Annunci
33 commenti
    • Azz!! Avevo dimenticato il fratellino…. In verità mi preoccupavo per te nel caso che la “stordita” prendesse una scuffia per qualche Khmer rosso

    • elinepal ha detto:

      Domanda preoccupante… No c’è anche il piccoletto. Quai novenne.

      Inviato da iPhone
      Eli

    • Oh!! Mioddio!! …. potresti rimanere sola con un allevamento di pulci semovente…

    • elinepal ha detto:

      😄

      Inviato da iPhone
      Eli

    • ELI!!! che cavolo mi hai inviato? Che roba è?

    • elinepal ha detto:

      Io? Ma sei sicuro?

      Inviato da iPhone
      Eli

    • Boh! Forse era solo una faccina inviata da iPhone alle 19:35.
      Vabbé, ne approfitto per dirti: BUONA DOMENICA!!! CARA!

    • elinepal ha detto:

      Già. Deve essere il mio commento via iPhone. Buona domenica a te!

      Inviato da iPhone
      Eli

    • elinepal ha detto:

      sè vabbè

    • Ok non te lo dico più

    • elinepal ha detto:

      Stai scherzando? Me lo devi dire SEMPRE! 😘

      Inviato da iPhone
      Eli

  1. marco ha detto:

    Bellissimo ed evocativo questo racconto : )

  2. elinepal ha detto:

    si, effettivamente racconto abbastanza bene 😉 scherzo…..!!

  3. Chi ha detto:

    1.Relax! Ho appena fatto la cena del secolo in un posto zozzissimo e sono entusiasta.
    2.zia Barbara non ci ha messo lo zampino per l’albergo (libera iniz
    iativa, giuro).
    3.E se costi sapesse che le dai della stordita.

    • elinepal ha detto:

      Ciccina!!! superfelice che state ok. (non dire nulla a costi, tipregotipregotiprego! è in grado di spezzarmi in due) superbacio, notte.

  4. Topper ha detto:

    A quell’età e di questi tempi, il viaggio che sta per fare è una passeggiata. Il vero megaviaggio sarebbe un weekend con i genitori…

    • elinepal ha detto:

      ecco, appunto.
      non ti chiedo l’età….
      🙂

    • Topper ha detto:

      La mia? Immagino tra la tua e la sua…

    • elinepal ha detto:

      😊

      Inviato da iPhone
      Eli

  5. Ihihihih, un pò come quando io sono andata a vivere da sola nella grande città universitaria a 18 anni =P
    Però io viaggi senza prenotare nulla non potrei farne, non rientra nella mia forma mentis diciamo e mi impanicherei troppo! XD

    • elinepal ha detto:

      per fortuna è tornata viva….. 🙂

  6. Pablo ha detto:

    Che dire? Invidio in po’ la ventiduenne. A quell’età per me non era possibile neanche immaginare un viaggio così.
    Incapace di chiedere nemmeno: “scusi dov’è via tal dei tali?” Chissà dove sarei finito.
    Bellissimo.
    Pablo

    • elinepal ha detto:

      Si. Capisco. Mia sorella era così. Come allenamento la costringevo a chiedere il “topolino” all’edicola. Una scena pietosa. Poi però si è lanciata e ha girato il mondo. Immagino anche tu…

  7. irisilvi ha detto:

    Per fortuna non ho figli, sarebbero dei disadattati per le mie ansie…. Ma dio vede e provvede….

    • elinepal ha detto:

      nooo….. genitori sedimenta. mai perfetti, ma si diventa.

  8. stranekind ha detto:

    Mai andato così tanto lontano… sarei peggio dell’ex marito, il mio inglese è pessimo e le capacità organizzative meno di mezza. Vi invidio anch’io. Poi se masticone dice che è innamorato di te, devi essere veramente una favola…

    • elinepal ha detto:

      ti svelo un segreto. il vero linguaggio internazionale, anzi direi interplanetario è l’italiano (con gesti annessi).
      Riguardo Masticone… è lui che è meraviglioso.

    • stranekind ha detto:

      Terrò molto da conto il segreto… qualcuno dice anche che io sia un bravo mimo…

    • elinepal ha detto:

      🙂

  9. […ne vogliamo parlare: immersioni in apnea nel mar di Sardegna recuperando anfore romane?
    no, meglio di no…dai…]

    Cara eli, mi sa che dopo questo viaggio, ti abituerai agli spostamenti della ventiduenne…coraggio: andrà tutto bene!

    ciao
    .marta

    • elinepal ha detto:

      vabbè erano altri tempi……
      è tornata ieri, è sopravvissuta.
      e anche io
      🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: