la coop sei tu….

Quando si diventa poveri, si impara a gioire di piccole cose.

Dopo anni passati ad aspettare l’estate per poter finalmente fare la spesa alla Coop di Albinia (ho sofferto al pensiero di saperla sott’acqua questo inverno) ho il privilegio di frequentare la Ipercoop di Roma al Casilino.

Roma è una città strana. Ci si può trovare di tutto. Ma per quanto riguarda la grande distribuzione ci sono delle mappe ben precise. Ci sono, evidentemente, delle zone esclusive. Dei periodi esclusivi. C’è stato il grande momento GS, acquistato poi da Carrefour. Ci sono ora al centro di Roma, in siti in cui mi piange il cuore vederli, moltissimi Dì per Dì. Ma di Coop a Roma, non si sa per quale spartizione del territorio tra multinazionali, neanche l’ombra. Poi arrivò quella al Casilino…..si ma arrivaci! Poi quella al Centro Commerciale di Euroma2. Un posto infame e orrendo in assoluto, anche se non fossi una persona che odia profondamente i centri commerciali. C’era una minuscola Coop proprio al centro di Roma. Di fianco al Castel Sant’Angelo, vicino al Palazzaccio. Ma non sembrava per nulla una Coop. E poi ha chiuso.

Cosa ha di diverso la Coop, direte, che ti accanisci così? E’beh. Per una romana, la Coop è tutto un altro modo di sentirsi in un supermercato. E’ un poco come sentirsi dentro un circolo, una comunità. Ti sembra che tutto quello che compri marcato coop venga da mani più giuste, da filiere più consapevoli, da ingranaggi meno oleosi, da regioni dove il “sociale” è ancora praticato….. ovviamente non sarà così….. Ma tant’è.

E finalmente, ultimamente, essendo spesso in zona, per via del teatrino di periferia, ho goduto immensamente nel poter andare in via Casilina a fare la spesa alla IperCoop. E ieri, udite udite, sono diventata Socia!

Sissignore, sono una delle socie della Cooperativa di Acquirentii. Cioè, in qualche modo che ancora devo capire bene, la Coop sono pure io!

E subito, col piccoletto, ci siamo scialati a fare la spesa con il Salvatempo. Pistola spara raggi infrarossi con la quale si prendono i codici a barre e si trasformano in conto da pagare. Già pronto per la cassiera che non si ferma neanche a controllare se abbiamo fatto tutto correttamente. Tra Soci Coop ci si fida….!

Il problema è che ci si può far prendere dall’euforia e dalle vertigini delle corsie lunghe un chilometro e che si arrivi a mettere nel carrello la qualunque. Ma io e il piccoletto, veri professionisti del Salvatempo, ci siamo concessi solo uno Sciroppo Fabbri all’Anice. Non è piaciuto a nessuno dei due  ma ci abbiamo fatto i ghiaccioli e così, forse……

Dopo il bagno di acquisto proletario alla IperCoop al Casilino, fare la spesa nei negozi fighetti intorno casa mi sembra proprio triste…. ma nel pomeriggio sono passata alla bottega della polacca. Era parecchio che non andavo, complice il caldo che è finalmente arrivato, e che mal si sposa con i prodotti polacchi tutti leggermente ipercalorici.

Lei aveva aperto dove tanti anni prima esisteva già un vecchio alimentari. Ne scrissi tempo fa ma non sono riuscita a ritrovare il post. Ha avuto problemi a partire, con i suoi prodotti polacchi che evidentemente non attiravano l’italiano medio e non avevano abbastanza clienti connazionali. Io non sono italiana media e mi sono subito fiondata a provare il provabile. Anche memore delle cene preparate da Anna, amica polacca oramai naturalizzata italiana. Comunque la signora del negozio si lamentava che non ce la faceva. Aveva aperto da poco e già pensava di chiudere. Alcuni clienti illuminati le hanno però suggerito di mettere anche specialità italiane, oltre quelle polacche, e così lei ha ripreso energia e il lavoro ha iniziato ad andare meglio. Molto grata della situazione che si è venuta a creare ha persino organizzato una festiocciola nella sua bottega con degustazioni varie.

Oggi pomeriggio ho trovato il negozio semivuoto. Scatoloni in terra. Scaffali disadorni.

Mi ha detto che entro venerdì riconsegna il negozio. Non ce l’ha fatta. Ed io ne soffro un po’. Perchè le botteghe oramai stanno chiudendo tutte. Perchè i piccoli negozi non ce la possono fare a concorrere con la grande distribuzione.

E anche io oramai sono stata inglobata.

Allora per redimermi e per riscattare la mia tessera di socia Coop, ho acquistato tutta una serie di prodotti polacchi che sicuramente non avrei mai comprato in tempi normali. Ma prima o poi nella vita bisogna provare di tutto. E domani torno per una scorta di birre e vodka!

fotocibo

Annunci
26 commenti
    • elinepal ha detto:

      capito!?!?
      ho anche i prodottini polacchi!

    • sisisisi
      capitissimo! 😉

  1. Ci si fida una sega! Ogni tot volte che usi il salvatempo ti tocca la rilettura, non credere! E ti segnalo che, se ti va di andare poco più in là di Euroma2, in via Ignazio Silone c’è un’altra che non è iper ma ha tante cosine deliziose.
    E, da socio Coop da qualche anno, posso dirti che i prodotti a marchio Coop sono una sicurezza. La qualità è migliore di molti prodotti marcati, e soprattutto i prezzi sono vincenti. Ti dico l’ultima “scoperta”: ora che ho bisogno di integratori di magnesio e potassio, ho trovato quelli a marchio Coop. Polase, 20 bustine 12 euro. Coop, 20 bustine 4 euro. Parliamone. Sempre magnesio e potassio sono.
    E ancora sulla rilettura, l’altra sera mi è capitata, proprio a Euroma2, proprio con una spesa da 6 buste cariche… e il commesso, con filosofia, ha detto “Signo’, nun se faccia er sangue amaro… se sa, ‘a rilettura è ‘na iattura”. E mi ha rimesso allegro. 😉

    • elinepal ha detto:

      infatti, mica dicevo tanto per dire…..
      🙂

    • elinepal ha detto:

      comunque “un poco più in là di Euroma 2” per me è oltre le colonne d’Ercole…. 🙂

    • Ahahahahahahahahah oltre le colonne d’Ercole non è male! E allora mambo! Vada per Casilino!

    • elinepal ha detto:

      scherzi!!??? stasera di farò vedere che scorta di birre e Vodka. Purtroppo mi sa che non ha più la migliore. Quella con dentro l’erba del bisonte (o qualcosa del genere). Vediamo….

    • Sono serissimo! Anzi conserva qualche bottiglia di vodka per la prossima volta che passo da Roma 😀

    • elinepal ha detto:

      appunto! quando torni????

    • Appunto!!!! E chi lo sa? Intanto ho altre 2 repliche di spettacolo 🙂 Una il 14 e una il 26 🙂

    • elinepal ha detto:

      grande!!!!

    • 😀 :******************

  2. marco ha detto:

    Capisco il sentimento che hai provato, in effetti la grande distribuzione si sta “mangiando” i piccoli negozietti..
    Interessante l’esperienza della mappa dei supermercati nella zona di Roma! Pensa che in Liguria e a Genova in particolare dove sto io è esattamente l’incontrario!Ci sono Coop ovunque, e supermercati di un’altra ditta che poi è affiliata alla Coop, in pratica c’è il predominio dei “rossi”. Però secondo me questo è negativo, per quanto riguarda i supermercati la concorrenza fa bene, al portafoglio dei consumatori. Esselunga sta tentando da anni di aprire ma non ci riesce mai. Di supermercati Pam ce ne sono solo due. Tutto ciò secondo me non è giusto, anche considerando il fatto che ho fatto la spesa alla Pam e all’Esselunga, e ho trovato i prezzi molto ma molto più convenienti rispetto a quelli della Coop. E’ vero che se sei socio hai numerosi vantaggi, ma l’impressione che ho, almeno dall’esperienza della mia terra, è che il mondo “Coop” sia tutto un po’ una mafia… Dopo l’introduzione dell’euro non hanno abbassato i prezzi ma hanno mantenuto la nomea di “convenienza”.. Infine, ti dico anche dalla mia esperienza di lavoratore per alcuni mesi all’Ipercoop: la paga è veramente bassa, più bassa rispetto a quella di altri supermercati in cui ho lavorato… ma non voglio influenzare il mio giudizio con cose personali.. Però è vero che mi mettono un sacco di rabbia le pubblicità sul rispetto dell’ambiente della Coop! Non sai quanti prodotti ancora validi che venivano gettati al macero dietro al magazzino!! Comunque, come si dice, tutto il mondo è paese… Ciao, buona giornata!!

    • elinepal ha detto:

      Certo! io ho una mappa mentale di tutte le botteghe tra piccoli esercizi ed artigiani, che in questi anni hanno chiuso per far posto a Pub, Birrerie, Vinerie, Paninoteche, Bisteccherie ecc… Il centro di Roma è diventata una immensa Disneyworld e i pochi spazi più grandi sono stati occupati da supermercati più o meno orribili. Il primo, contro il quale raccgliemmo molte firme, si è insediato in una ex galleriad’arte, ex Teatro. Un leggero cambio di destinazione d’uso ottenuto oliando chi doveva farlo, et voilà! E così sono seguiti gli altri. Nessuna amministrazione nè di sinistra nè di destra si è preoccupata di salvare il tessuto urbano del centro storico. Ed ora si cerca di arginare il casino della movida alcoolica a botte di ordinanze comunali sulla chiusura anticipata dei locali o sulla somministrazione di bevande alcoliche dopo una certa ora.
      Riguardo la Coop sono convinta anche io che non abbia in assoluto i prezzi più bassi ma un rapporto qualità/prezzo molto buono, come giustamente faceva notare Max. E in confronto ai supermercatacci a cui ero abituata mi sembra già molto.
      Certo che non conoscevo le questioni legate al trattamento del personale. Mentre una cosa che mi ha molto convinto è stato leggere di come oramai abbiano organizzato la raccolta delle merci non vendibili ma ancora buone da parte di cooperative sociali. E certamente al Casilino la cosa può essere molto utile.
      Grazie veramente del tuo bellissimo commento.
      Buon residuo di giornata!

    • marco ha detto:

      Sai che hai ragione, quando sono stato a Roma lo scorso maggio non ho notato nemmeno un supermercato nel centro città!? In effetti allora una Coop ci potrebbe stare anche bene!! Ancora ancora le Coop, non mi trovo malissimo, ma l’Ipercoop, che tra l’altro è proprio vicino a casa mia, è veramente troppo grande e dispersiva, non riesco a comprarci, sarà un limite mio ! Ho letto il commento di Max, in effetti riguardo certe cose la Coop ha prezzi buoni, ma non su tutto, per esempio un detergente intimo che costi meno di otto euro all’Ipercoop non riesco mai a trovarlo!

    • elinepal ha detto:

      ma se torni a Roma facci un fischio!

  3. masticone ha detto:

    alle Coop si rimorchia abbestia…
    lo fai per questo
    I know it…

    • elinepal ha detto:

      mica sono una maialona come te…. eppoi per rimorchiare c’ho già Cicora, sallo….

  4. Qui da me invece la Coop e la Conad la fanno da padrone e io per ripicca vado all’Eurospin! 😀
    Anche se devo ammettere che ci metto un attimo a fare la spesa all’Iper, so già dov’è la roba e poi ogni tanto fanno il 20% di sconto su un prodotto elettronico a scelta e il risparmio c’è. Poi adesso che hanno anche i distributori di benzina sono una tappa obbligata.

    • elinepal ha detto:

      I DISTRIBUTORI DI BENZINA!!! naaa… qui ancora nulla.
      Però mi viene da ridere perchè all’Iper di Roma io mi perdo regolarmente. Domenica ho rischiato persino di perdere il piccoletto….
      🙂

  5. Non sono mai entrata ad un coop.. sento che questa esperienza mi manca e che potrebbe sconvolgere il mio modo confusionario di fare la spesa!
    Io vado ad un supermercato che sta proprio sotto casa e che sta apero fino alle 9 ed è perfeto per noi poveri disperati che prima delle 8 l’aria aperta non la vediamo…

    • elinepal ha detto:

      Si capisco. Qui in centro oramai stanno aprendo supermercatini di quartiere sempre aperti fino a tardi e di sicuro la domenica.
      Ma un giro alla Coop è meglio del parco giochi!

  6. luna ha detto:

    Per me supermarket significa relax..
    Fare la spesa è un momento tutto da assaporare e vivere.. anche se poi alla fine prendo sempre le stesse cose!
    Ti aspetto nel mio ultimo post e…..baci!!!!
    Luna

    • elinepal ha detto:

      a presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: