quanno ce vo’, ce vo’

E’ colpa mia.

E chiedo scusa.

Conosco oramai da cinquant’anni la donna che abito. Ho preso mano a mano confidenza con i suoi limiti, con i pregi nascosti. Con l’apparente sicurezza e la malcelata malinconia. Ho fatto discussioni interminali per farle capire dove e perchè sbagliava. E’ cocciuta lei! Ci ha messo anni a capire verità banali. Una per tutte: che si deve fidare di se.

E quindi ora, di nuovo, ho sbagliato.

Ho sbagliato ad accettare un compromesso che sapevo già non avrei retto.

Ho sbagliato a pensare che tutto sarebbe cambiato nel giro di poco.

Ho sbagliato ad illudere chi era con me, che ce la facevo a gestire la situazione.

Ho sbagliato a soffocare le ansie che mi accompagnavano.

Ho sbagliato a credere di essere al disopra dei comuni sentimenti.

E quindi chiedo scusa.

Sinceramente.

Ma non ce la faccio.

 

Annunci
7 commenti
  1. vediamo i nostri limiti, li accettiamo.
    è segno di maturità.
    sarebbe bello che lo capissero anche gli altri.

  2. Mi chiedo quanto si deve continuare con sta storia di chiederci scusa tra noi e noi….
    Si fanno delle scelte, sbagliate o giuste che siano ma fosse anche se prese con riserve o dubbi…caspita!…. almeno ci si prova no?
    Cioè non si può..ogni volta colpevolizzarsi o altro…

    Sai che ti dico: basta con questa introspezione…Eli, rinasciamo!!

    un abbraccio
    .marta

  3. sisempre ha detto:

    che bello sbagliare quando è il seguito di un aver voluto provare …
    che bello abitare per cinquant’anni un corpo ed una mente e non darli per scontati … almeno non possiamo dire di non averli sprecati nella noia

  4. Ue! Ue! Non dimentichiamoci una cosa: fintantoché non ci ritirerremo in un eremo, quando, a parità di scelte, dovremo dar conto unicamente a noi stessi, a torto o a ragione, in funzione della nostra disponibilità, e soprattutto, delle nostre attrattive, incontreremo sempre qualcuno che riporrà su di noi delle aspettative.

  5. Ho appena finito di leggere Gli aforismi di oscar wilde. Dice spesso che è l’errore che fa vivere, che fa crescere e che un saggio rigrazia per lo sbaglio, non chiede scusa. Diventa saggia.

  6. adrianmeis ha detto:

    Ammettere l’errore è già il primo passo per risolverlo. Ma senza esagerare nell’essere troppo severi con se stessi. 🙂

  7. Abbraccio eli. Forte. Tranquilla. Con la tranquillità si vedono cose che quando si è incazzati non si vedono. Abbraccio. Forte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: