meno 94 – muttley/barney

E così ho fatto questa figura da niente.

Dico che basta, è finita, me ne vado. è giunta l’ora….. e poi eccomi qua di nuovo con il mio countdown.

C’erano dei motivi per dire basta al blog. E non era la fatica di scrivere un post al giorno, anche se (diciamocelo) non è che tutti i giorni abbia ste cose geniali da dire. Basterebbe un settimanale, o un quindicinale…. Ma per me questo blog aveva all’improvviso assunto un tono mesto quasi disperato. Per chi sa leggere tra le righe.

Poi sono successe cose strane. Per me straordinarie. Ovviamente vo,i carissimi amici virtuali, con in testa Wish, che avete avuto un cuore così grande da dirvi dispiaciuti.

Poi, incredibile a dirsi, il mio annuncio di chiusura segnato il top delle visite dall’apertura del blog. E, per chi è appassionato di statistiche,  con una media di quasi sei visite a persona. Il che mi ha fatto fare una considerazione. O era un gentile passaggio di saluto alla salma, o qualcuno aveva veramente voglia di leggere tante delle cose che ho scritto prima che togliessi tutto di mezzo. Cavolo! Bello, no? Io non sono una fissata con ste cose, però mi ha fatto piacere.

Ma la vera ragione per cui poi ho deciso di continuare è stato LUI. Siì, proprio LUI, l’uomo più straordinario che abbia mai conosciuto. L’uomo che ho bistrattato e preso a male parole e voluto allontanare. E che invece non ha mai mollato un centimetro. Con un cuore e un amore che mi piega le ginocchia ha deciso di aspettare un tempo. Che mi calmassi. E mi passasse la paura. Perchè LUI sa vedere il mio lato oscuro, e non se ne mette paura. E si fida del suo cuore anche quando io non lo faccio del mio. E con poche parole mi ha ripreso l’anima.

Quando ci siamo conosciuti, in una delle prime chiacchierate gli citai La versione di Barney. Mi disse che era il libro che aveva amato di più. Facile per un acchiappafemmine come lui,  lo avrebbe detto anche non avendolo letto affatto. Ora dopo un tempo, ora che lo conosco veramente, dico che ho fatto la citazione più azzeccata.

E’ così che ti vedo, Amore. Con la stessa veemente passione e dedizione con cui Barney Panofsky amò per tutta la vita la sua Miriam (anche se io non sono perfetta come lei). Innamorandosi  nel momento più assurdo, e facendo di tutto per conquistarla e adorandola in modo incondizionato e facendola sentire la donna più meravigliosa del mondo. Così mi fai sentire, questo è il grande dono che hai. Anche se a volte sei anche un canaccio pulcioso e ghignante come Muttley.

Tu hai il dono di dire e fare sempre ciò che è giusto per me,e mi fai sentire a casa.

Grazie di esserci.

E se mi chiedi TU di continuare io continuo.

Annunci
10 commenti
  1. pfff. e io che speravo di cadere nella rete della mangiatrice di uomini. 😀 😀 😀
    brava Eli sono veramente contento. d’altra parte se le cose non sono difficili che gusto c’è?
    next week Benito. giuro. croce sul cuore. così parliamo un po’.

    • elinepal ha detto:

      Benito sicuro al 100%. Sulla mangiatrice di uomini c’è l’antidoto mogli che mi annulla gli incantesimi 🙂

  2. Eli prendi a piene mani.
    Non lasciare niente.
    Perchè, anche se non piacciono le frasi fatte, non dimenticare che tutto quello che è lasciato è perso.
    E non ce lo possiamo permettere.

    Chi sa tornare su sui passi è un vincente. Non si sa di cosa…ma è così..
    Abbraccio grande
    .marta

    • elinepal ha detto:

      Abbraccio grande!
      Grazie Marta, che bello averti incontrato! Mi arrivano sempre degli spunti incredibili dal tuo blog.

  3. Ma che figura. Anzi!:D
    Tenere in blog in qualche modo è in piccolo atto di coraggio ed impegno.
    A me il tuo blog piace e sarebbe dispiaciuto non leggerti e per tanto son contenta che hai cambiato idea.
    Un grande abbraccio anche da parte mia e tienitelo stretto il tuo Amore!

    • elinepal ha detto:

      Si si si. Mi prendo anche il tuo abbraccio e mi tengo stretta il mio amore.
      Niente coraggio. e’ qualcosa che mi da piacere e mi gratifica. Impegno in effetti lo è , ma solo perchè sono travolta da ritmi di lavoro impensabili che mi costringono a scrivere di notte.
      Buon fine settimana!

  4. eh che sorpresa! non pensavo, dopo il post dell’altro ieri. e invece, ti ritrovo qui. e direi, visto anche il post di oggi, in grande spolvero. niente figure, non preoccuparti di questo. quante volte capita di dire basta e poi si va avanti. solo che le parole scritte fanno sempre più effetto, “manent”, dicono. ma quelle che vengono dopo rimangono di più.

    • elinepal ha detto:

      in grande spolvero è belissimo!

  5. Alice ha detto:

    che bello che tu c’abbia ripensato 🙂
    A

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: