meno 146 – tragedia a castel sant’angelo

IMG04094-20130122-0922Visitando il blog di Liù ho rivisto le immagini di una bellissima produzione televisiva RAI: La Tosca nei tempi e nei luoghi. Vennero girate e mandate in onda le arie della Tosca proprio dai luoghi in cui le aveva ambientate Puccini, alle ore in cui avvenivano le vicende. L’ultima parte, il finale tragico, avviene a Castel Sant’Angelo. Io so di essere una inguaribile romantica, ma Puccini mi colpisce sempre al cuore. Ed essendo anche una romana inesorabilmente e tragicamente amante di Roma, almeno della Roma che non si riesce a non amare, ogni volta che passo accanto a Sant’Andrea della Valle, al Palazzo Farnese  o  a Castel Sant’Angelo ripenso a lei, alla Tosca, e alla sua tragica fine.

Stamani ero li, sotto il muraglione dal quale lei si buttò, schiacciata dal dolore per aver perso il suo Amato, nonostante tutto ciò che aveva fatto per tentare di salvarlo. Nei giardini sotto il Castello ci si ritrova con altri canari a far correre le bestiole, inconsapevoli, esse – le bestiole, di correre e defecare sotto un pezzo di storia che fa impallidire il mondo.

Amore, passione, tragedia, Puccini sapeva veramente come conquistare il suo pubblico! Io non riesco a frenare le lacrime ad ogni morte del Cavaradossi.

Annunci
10 commenti
  1. liù ha detto:

    Amo la Lirica,ma la Tosca è la mia opera preferita in assoluto, tanto che lo
    stesso pezzo che hai pubblicato tu io l’ho inserito tempo fa nella Side.bar del blog!
    Tempo fa pensa che trovai in edicola un cd con tutta l’opera cantata
    da Beniamino Gigli e Maria Caniglia ( mai sentita nominare,ma molto brava).
    I miei brani preferiti sono ” E lucevan le stelle”
    E questo cantato da Tosca ” Vissi d’arte”
    un caro saluto
    liù

    • elinepal ha detto:

      ma è proprio da te che ho trovato ispirazione! ti ho citato, solo che ho sbagliato nome. Scusa!! però illink deve essere quello giusto…. ora correggo.

    • liù ha detto:

      Ma no ,perchè mai devi correggere You tube è di tutti non è mica un pezzo di mia proprietà ! Scusa se ti ho dato questa impressione ,ma ho commentato solo perchè ho notato che anche tu ami la lirica ! Per favore non mettere nessun link di riferimento,

    • elinepal ha detto:

      🙂 ma non è che “devo”, semplicemente ero sul tuo blog, ho visto il tuo link, mi sono ispirata ed ecco qua. Devo dire che non sono una grande esperta di lirica nè che la seguo molto. Però la Tosca mi ha sempre conquistato.

  2. Recondita armonia! Di bellezze diverse!
    E’ bruna Floria, l’ardente amante mia!
    E te, beltade ignota! Cinta de chiome e bionde.
    Tu azzuro hai l’occhio… Tosca ha l’occhio nero!

    L’arte nel suo mistero.
    Le diverse bellezze insiem confonde!

    Ma nel ritrar costei… il mio solo pensiero!
    Ah, mio solo pensiero!
    Tosca, sei tu!

    E piango pure io!!!!

    • elinepal ha detto:

      🙂 sorella!

  3. cavaliereerrante ha detto:

    Ecchì non piangerebbe, anche non conoscendo l’ opera lirica …. ove si trovasse ad ascoltare e vedere “il recitar cantando” di questo sublime genere musicale, “strettamente connesso” con la tradizione romantica tipicamente italiana e mai nè superato nè uguagliato da altri paesi ???
    Nessuno/nessuna, penso ( cfr. in merito il bellissimo film STREGATA DALLA LUNA, con l’ eccellente @Cher, che vinse il premio Oscar per questa sua indimenticabile performance, ben sostenuta dall’ ottimo @Nicolas Cage … oltre che dai grandi “caratteristi” @Vincent Gardenia, @Danny Ajello e @Olimpia Dukakis ), riuscirebbe a tener via da lui/da lei “lacrime e fazzoletti di carta” ….. dunque @Ely, sei in buona compagnia ! 😀
    Ma poichè penso che non conosci ( e se lo conosci : COMPLIMENTI al tuo gusto ), il mitico @Franco Corelli, alto ed atletico tenore meraviglioso, bello e aitante più di un attore hollywoodiano ( ed infatti madre natura, oltre ad avergli donato una voce divina, aveva anche fatto sì che con lui in scena non necessitassero nè parrucche, nè “busti stringivita” nè altri orpelli, inutili di fronte alla sua “bellezza fisica” naturale ), che per quasi trenta anni fu “sequestrato” dal Metropolitan di New York con un “contratto in esclusiva” ….ecco per te la celebre romanza .
    Lui, era questo :
    🙂

    • elinepal ha detto:

      Grazie mio caro Cavaliere. Effettivamente lo conoscevo, ma non è certo merito mio, semmai tutto suo!

  4. elisabetta sono valeria, la ragazza a cui avevi scritto per parlarmi del buddismo. per piacere mi puoi scrivere sulla mail . vorrei chiederti una cosa riguardo alla presentazione del libro il ritmo del silenzio di venerdì 25 gennaio. mi piacerebbe partecipare. grazie mille.
    ps scusami ti scrivo qui perchè non riesco più a trovare la tua mail.

    • elinepal ha detto:

      vado

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: