meno 164 – messaggi alla stazione

Nella pochezza e nello squallore delle decorazioni e manifestazioni natalizie romane, c’è una cosa che ogni anno mi attira e mi coinvolge: i messaggi per Babbo Natale (o simili) attaccati sui grandi alberi (ecologici) alla Stazione Termini.

Intendiamoci, risplendono di squallore anche loro, e non voglio neanche descrivere lo stato di degrado della stazione Centrale della Capitale. Ne avevo già scritto in passato e nulla è cambiato.

Però ogni volta che mi avvicino a questi alberoni, non riesco a smettere di girarci intorno per leggere le centinaia di bigliettini che sono stati attaccati con i messaggi più disparati. Non so come è nata questa cosa, certamente non da molti anni.

Questa sera ero alla stazione per riprendere il piccoletto di ritorno con il papà, e mi sono fermata catturare qualche immagine. Purtroppo con il mio cellulare, che si è avviato verso un lento ma inesorabile declino e raccoglie immagini sempre più sfocate e sbiadite. E certo il fatto che Cicoria non la finisse di tirare dal lato opposto al mio non favoriva la precisione dello scatto. Ma pazienza, si rimane in tema con il Natale Romano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci
35 commenti
  1. beta endorphin ha detto:

    Lo scorso anno c’era pure il mio adolescenzialissimo biglietto, scritto al volo in un nanosecondo prima di prendere il treno su una pagina di blocconotes a quadretti con la penna nera ed attaccato quanto più in alto potessi arrivare.

    • elinepal ha detto:

      😀 lo vorresti riscrivere?

    • beta endorphin ha detto:

      (e cmq quel biglietto babbo natale non lo lesse proprio per nulla ma lo cestinò direttamente mi sa)

    • beta endorphin ha detto:

      No, non lo riscriverei.
      Forse.
      Credo.

    • elinepal ha detto:

      ah!

  2. Carinissimo il biglietto del treno con su scritto: “Grazie, Signore grazie!” 🙂

    • elinepal ha detto:

      Si, mi è sembrato “esagerato!”

  3. sembra un po’ come mettere un messaggio in bottiglia. e’ bello.

  4. cavaliereerrante ha detto:
    • elinepal ha detto:

      🙂

  5. Non ti lamentare…se vedessi l’albero che ho qui…! Le decorazioni sono in pratica inesistenti e lo squallore è costante. La stazione Termini, in confronto, è bellissima e poi dai a me piace!!!
    Non ho mai scritto uno di quei bigliettini, non ne riesco a comprendere la natura… e tu cosa ci scriveresti?

    • elinepal ha detto:

      diciamo che non sono da bigliettini, ma in fondo scrivere su un blog non è che sia molto lontano da lasciare bigliettini in giro per Roma. quindi manderei il mio augurio più grande al più grande numero di persone, esattamente come ho fatto sul mio blog. 🙂
      piesse ma parlavi del TUO albero o di dove vivi?

    • Vivo in una città non molto distante da Roma…Napoli…e considera che fondamentalmente sono di Napoli ma vivo ormai da quattro anni a Roma.

    • elinepal ha detto:

      mica ho capito

    • elinepal ha detto:

      …ma vivi a roma…

    • Vivo un po’ qui e un po’ lì…forse dire che VIVO a Roma è fin troppo visto quanto io mi stia impegnando a vivere la città 🙂

    • elinepal ha detto:

      Bene c’è sempre un inizio… io comunque amo molto Napoli, almeno per i pochi giorni che ci capito ogni tanto. Su Roma ho la stessa pulsione di una mamma per il figlio disgraziato: la amo visceralmente e vorrei abbandonarla allo stesso tempo.

    • Anche io ho questo rapporto con la mia città…amore e odio…odio e amore…ma è unica al mondo…

    • elinepal ha detto:

      vero!

  6. Non ho mai scritto lettere a babbo natale….ma trovo che sia un gesto carino.
    Sempre l’espressione, i desideri delle persone esternati, in questo e in altro modo, mi hanno sempre incantato…
    L’idea: questo mi piace.

    Buona giornata
    .marta

    • elinepal ha detto:

      Si, è veramente intrigante fermarsi a leggere tutti quei messaggi….

    • elinepal ha detto:

      non so perchè non mi sorprende

    • perchè, dovrebbe?

    • elinepal ha detto:

      no, appunto

    • ho sbagliato, togli la virgola “perchè dovrebbe?”

    • elinepal ha detto:

      ho perso il filo.
      dunque.
      tu credi in babbo natale e io dico che la cosa non mi sorprende e tu mi chiedi perché dovrebbe sorprendermi?
      bene.
      ora ci penso…….
      ….ecco. magari, è solo un’ipotesi eh?, magari perché sei del 61 e io ho quindi un solo anno meno di te e da molto tempo ho smesso di credere a babbo natale per diventare babbo natale? oppure perché ho comunque smesso da molto tempo di credere e basta? ma va da se che se credere a babbo natale significa avere un senso positivo della vita o mantenere il proprio bimbo interiore bello vivo, allora ci credo anche io!

    • sai una cosa? mi hai convinto!!!

    • elinepal ha detto:

      🙂

    • elinepal ha detto:

      🙂 appunto…

  7. irisilvi ha detto:

    Non c’è stazione che non ti faccia sentire a casa, non ce n’è una che non ti faccia sentire lontana…
    Auguri!!! Preparata la scopa?

    • elinepal ha detto:

      Seeee, tutto pronto … via!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: