meno 182 – la sorella della sposa

225083Il matrimonio

Voi siete nati insieme, e insieme starete per sempre.

Sarete insieme quando le bianche ali della morte

disperderanno i vostri giorni.

Insieme anche nella silenziosa memoria di Dio.

Ma vi siano spazi nella vostra unione,

e fate che i venti dei cieli danzino tra voi.

Amatevi l’un con l’altra, ma non fate dell’amore un laccio:

Lasciate piuttosto che vi sia un mare in movimento

tra le rive delle vostre anime.

Riempia ognuno la coppa dell’altro ma non bevete da una coppa sola.

Datevi l’un l’altro il cibo ma non mangiate dallo stesso pane.

Cantate e danzate insieme e siate gioiosi ma che ognuno di voi sia solo

Come le corde di un liuto son sole benchè vibrino della stessa musica.

Datevi il cuore ma non uno in custodia dell’altro.

Poichè solo la mano della Vita può contenere entrambi i cuori.

Ergetevi insieme, benchè non troppo vicini,

poichè le colonne del tempio si ergono distanziate,

e la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro.

Gibran Kahlil Gibran – Il profeta

Questo è il testo che ho letto oggi al matrimonio di mia sorella. E non pensavo che mi sarei commossa tanto.

L’ho sfottuta, presa in giro. Ho cercato di ridimensionare le sue ansie. Di limitare i mostruosi preparativi. Dopo più di due anni di convivenza, lei al secondo matrimonio, entrambi grandicelli, mi sembrava quasi un passaggio più che altro burocratico.

Ma poi quando li ho visti davanti all’altare, felici ed emozionati, e belli, ho sentito tutta la forza che una decisione così mette in campo. Ho capito quanto in fondo ancora può essere diverso decidere di sposarsi, e di farlo con un rito religioso e con tutti i crismi – abiti, fiori, amici e parenti – rispetto a decidere di andare a vivere assieme e farlo. Così, semplicemente, senza magari neanche comunicarlo più di tanto.

E quindi in un attimo mi sono calata nel mio duplice ruolo di sorella della sposa e testimone, orgogliosa di esserlo, accanto a mio fratello. E nonostante avessi preparato la lettura (mica tanto, solo ieri sera l’avevo ricevuta) mentre leggevo ho sentito la voce spezzarsi e il cuore non battere più, e prendere respiro è stato difficile ed emozionante.

Ora è andata.

Mi devo solo preoccupare che al lancio del bouquet, la bellissima composizione di calle è finita diretta in braccio alla ventunenne.

Annunci
18 commenti
  1. Mamma mia, elinepal, che belle cose che hai scritto! Mi ricordi tanto me, con questo cinico sarcasmo dietro il quale c’è la voce che si rompe, che si rompe anche se uno ci ha pensato a come leggere, e magari dentro di sé ha detto “e dai, devo leggere, in fondo sono cresciutello/a, e poi il testo è bello e mi sosterrà”. E invece c’è un momento in cui sulle parole si sovrappongono le foto mentali, i volti e i ricordi, e una vita, anzi due o più, ti scorrono davanti mentre le parole si annebbiano dietro un velo che tu cacchio lo sapevi che finiva così ma non vuoi e allora ti interrompi e cerchi di respirare, e poi ti scuoti e vai avanti e come dio vuole arrivi in fondo. E poi c’è sempre quello che non capisce niente e ti viene vicino a dirti di non essere triste e non sa che per te è stato bellissimo, quell’attimo.
    E per farsi una risata, dietro la quale nascondere queste emozioni forti, a proposito della ventunenne ti dico quel che il Marchese del Grillo dice al capitano delle guardie, con l’enfasi della frase tutta nella prima parola, quel “Mo'” che in bocca ad Albertone prende mille significati. Mo’, so’ cazzi tui!

    • elinepal ha detto:

      Ahahaha, Max hai colto perfettamente. Siamo due Cuor di Leone che ruggiscono, borbottano e dentro si sciolgono come un cremino.

    • elinepal ha detto:

      non ti sfugge niente… per lealtà verso il neo cognato… w gli sposi!

    • okkey, w gli sposi, e già che ci siamo, w la sorella della sposa (più prolisso, sennò dici che sono zen… sta cosa mi turba!)
      ps: ti invito a considerare che tua sorella ha scelto la sua metà dopo la metà del tuo 365 … coincidenza o vi siete messe d’accordo?

    • elinepal ha detto:

      Essere zen è una bella cosa, perchè ti turbi?
      Con mia sorella assoluta coincidenza. Lei ha scelto questa data per una sua questione personale, e francamente manco lo legge il mio blog…..

  2. Elena ha detto:

    Ho letto questo passo quando mi sono sposata!!!! (17 anni fa)

    • elinepal ha detto:

      Augurio realizzato?
      (che bello !)

    • Elena ha detto:

      Si mantendo i pilastri autonomi!!!

    • elinepal ha detto:

      questo secondo me è il segreto. Felicità!!!

  3. Auguri agli sposi!

    A chetu e presu annos cun salude e prosperidade!
    affettusuamente
    .marta

    • elinepal ha detto:

      🙂 Grazieee!!!

    • elinepal ha detto:

      Che c’entra. Mi emoziono anche al Circo. Questo non vuol dire che voglio entrare nella gabbia dei leoni.

  4. Barbara ha detto:

    Grazie!! Sto iniziando ora a leggere il blog…sara’ un caso? 😉 e mi sono emozionata leggendo le parole di mia sorella.
    La sposa

    • elinepal ha detto:

      Gulp! (stupore) Sigh (emozione) Sob (lacrimuccia) 🙂

    • elinepal ha detto:

      visto, e risposto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: