meno 197 – un passo avanti e uno indietro

dischiLa vita è fatta così.

O forse è fatta così la mia.

Sempre un passo avanti e poi uno indietro. O forse era due avanti e uno indietro?

Alle volte un piccolo spostamento laterale.

Ma un’avanzata diretta, decisa, impetuosa, irrefrenabile mai.

Unico punto fermo, al momento, la disintossicazione da nicotina. Quella va avanti.

E avendo in programma un bel risparmio di denaro (calcolando un pacchetto al giorno a cinque euro ad oggi ne ho  già risparmiati 45)  mi sono concessa un regalo. Una super offerta pari a poco più di un mese di sigarette: un amplificatore. Quasi un anno fa avevo ritirato fuori un vecchio piatto. Mancava la puntina e dopo approfondite ricerche sono finita in un centro commerciale dove esiste un negozio di vinili (cosa già di per se strana assai) che ha in pratica qualsiasi puntina di qualsiasi marca.

Messa la puntina ho tentato un collegamento con il lettore cd, tentando di usarlo come amplificatore. Macchè, niente da fare.

Ho aspettato fino ad ora perché mi sembrava uno di quegli acquisti superflui che possono attendere tempi migliori.

Ma in qualche modo bisogna darsi una carota ogni tanto! E così finalmente ieri mi sono fatta questo regalo. Devo ancora collegare il tutto. Appena fatto però potrò finalmente risentire i miei gloriosi LP.

Sarà una data speciale!

Annunci
24 commenti
  1. Appena sarai sicura che non torni indietro, corri in banca. 5 euro al giorno per 30 giorni sono 150 euro al mese. Prendi un prestito con una rata da 150 euro per 2 anni e fatti un regalo. 😀
    Mi spiace per il passo indietro. Spero che questo fatto non ti abbatta. Troppo.
    Un abbraccio.

    • elinepal ha detto:

      Caro Wish, sono tempi duri per chi ha il cuore tenero.

    • elinepal ha detto:

      Comunque non torno indietro.

    • E allora corri in banca domattina! 😉

    • elinepal ha detto:

      😀

  2. Hai fatto proprio bene… vuoi mettere il fascino di un bel vinile?

    • elinepal ha detto:

      e già, non vedo l’ora. 🙂

  3. frz40 ha detto:

    Brava, è una carota che non ti farà certamente del danno. Tieni duro senza nicotina.

    • elinepal ha detto:

      yes! 🙂

  4. luporenna ha detto:

    Immagino che tu lo sappia che c’è bisogno di un aplificatore con ingresso phono MM/MC, per il tuo giradischi (Thorens o Technics ?)

    • elinepal ha detto:

      ovviamente non so di cosa parli. Il giradischi è solo un Denon. E’ terribile?

  5. perfetto, ieri sono andato in giro per l’acquisto di un amplificatore nuovo in quanto il mio, ormai datatissimo, è passato a miglior vita: debbo però cambiare tutto del mio antichissimo HiFi perchè, ovviamente, non c’è compatibilità a meno di mettersi a fare gli adeguamenti del caso sugli spinotti di connessione, il chè vuol dire che alla fine non funzionerà nulla. opterò per uno compatto della Teac (che mi risolve il problema dell’amplificatore, del lettore cd e del sintonizzatore) a cui abbinerò un giradischi della pioner e presto riascolterò finalmente anch’io i miei gloriosi LP, olè!

    • elinepal ha detto:

      Vabbè ho capito che mi sa che non riuscirò mai a collegare sto benedetto amplificatore.

  6. Il livello di commenti nidificati forse e meglio posizionarlo a 3, il ivello 2 forse è un pò poco. Il tuo template fino al livello 3 non comprime esageratamente.
    Tornando all’amplificatore, che sia integrato oppure no, cioè diviso in preamplificatore e finale di potenza, è indispensabile che abbia l’ingresso dedicato per il giradischi, ovvero l’ingresso phono con opzione mm/mc. Non tutti i moderni amplificatori ne sono forniti.
    Denon è un’ottima marca (americana).

    • elinepal ha detto:

      avendo descritto l’utilizzo che ne dovevo fare credo che il tipo mi abbia dato quello con gli ingressi adatti. Stasera vedrò… Faccio come dici per i commenti, vediamo (perché, ti disturba cliccare sopra per la risposta?)

    • Indendi continuare a cliccare “Rispondi” con la freccetta?.
      Cosi facendo non continuo a ripondere sempre al primo commento, e non all’ultima risposta?

    • Questa è una risposta di prova a quello che intendi tu

  7. Porca EVA!!! Funziona. Hai ragione tu…. anzi Max (il genio)

    • elinepal ha detto:

      eccomi, hai fatto tutto da solo, lo vedi che sei genio anche tu? Comunque si, Wish è un geniaccio. 🙂

    • Mannnooooo quale genio! Faccio informatica da trent’anni quasi… Tutto lì! E, confesso candidamente, un po’ mi piace pure!

  8. Ecco, anche qui: digressione e progressione. Procedi lateralmente. Mi piace: è il tono giusto per un blog!

    • elinepal ha detto:

      asp…. però una piccola lezione su queste tecniche me la devi dare! mi sa che devo passare più spesso sul tuo blog. Grazieee di essere passato da me!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: