meno 216 – calvin e hobbs

Qualche anno fa, non dico quanti ma è più di qualche, andai a Napoli ospite di una ex del mio allora compagno, ora ex.

Non so perché ma sono sempre (quasi sempre) diventata amica delle ex dei miei compagni o delle nuove fidanzate dei miei ex. Vabbè magari amica è troppo, ma inevitabilmente si finisce per frequentarci.

Comunque.

Ero a Napoli ospite di questa ragazza e la sera non avevo nulla da leggere, così iniziai a saccheggiare la sua libreria.

E’ una delle cose che mi piace di più, essere in una casa con una libreria tutta piena di cose da scoprire.

E lì ho conosciuto per la prima volta, lo ammetto, questa striscia  a fumetti  deliziosa disegnata da Bill Watterson.

I protagonisti sono un bambino seienne (Calvin) e la sua tigre di pezza (Hobbs) e le loro spericolate avventure. La meraviglia è data dalla sfrenata rappresentazione della inesauribile fantasia dell’infanzia, dove qualunque cosa può animarsi, e qualunque fatto ordinario può diventare spunto per una straordinaria avventura. Leggendo queste strisce ho ritrovato il mondo magico della mia infanzia. Stasera, chissà perché, mi è tornato in mente. Waterson ha smesso già dal 1995 di disegnare le sue strisce e si rifiuta ormai persino di rispondere alle lettere dei fans che arrivano al suo vecchio editore. Ora dipinge paesaggi boscosi.

Annunci
6 commenti
  1. TADS ha detto:

    non sono mai stato un grande lettore di fumetti, tra i pochi che leggevo quello che più mi piaceva era Alan Ford, dovrei averne ancora un centinaio di numeri in qualche scatolone stivato chissà dove.

    TADS

  2. elinepal ha detto:

    “avere degli scatoloni stivati chissà dove” mi piace. Mi ricorda la grande casa dei miei nonni, dove ho abitato a lungo. Nel mio piccolo appartamento so esattamente dove ho infilato cosa…..

  3. Chissà. Magari il suo percorso come fumettista si era esaurito…

    • elinepal ha detto:

      Infatti così disse. Straordinariamente non volle continuare nonostante il successo. Ci sono persone che hanno priorità più alte…..

  4. Calvin&Hobbes l’ho conosciuto tramite una collega americana, many many moons ago. Insieme con “The Far Side”, altra magistrale produzione fumettistica. Le strisce più belle sono quelle in cui Hobbes viene rappresentato come pupazzo, quando Calvin parla di lui con “esterni” al loro mondo, e poi si ritrasforma nel solito Hobbes che conosciamo. Come in questa striscia.
    Se non conosci “The Far Side”, cercalo con google. Sono fumetti che rivoltano la prospettiva, umanizzando gli animali. Non c’è un vero protagonista, qualunque animale o specie è trattato (per capirsi una famiglia di cani a tavola, tutti seduti in un tinello umano, e mamma cane che rimprovera il figlio dicendo “ti ho detto mille volte che devi mangiare con la bocca aperta!”)

  5. elinepal ha detto:

    Si!! Anche io adoro le strisce in cui si vede la realtà esterna e poi il mondo di Calvin. Avevo cercato una striscia così ieri sera senza trovarla. Grazie! Stasera cercherò The Far Side.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: