meno 220 – lasciarsi

il post i oggi di @masticone mi ha super-colpito.

http://masticone.wordpress.com/2012/11/09/lasciarsi-al-tempo-di-hip-hop/

Intanto perché aprii questo blog proprio sul tema di “come ci lasciamo” (e avevo i miei i motivi)

https://elinepal.wordpress.com/wp-admin/post.php?post=9&action=edit

Secondo perché convivo (male) da tutta la vita con la sindrome dell’abbandono. E forse è solo per questo che questa estate ho subito  avuto un vero colpo di fulmine con Cicoria (cagnetta abbandonata e con disastrosa e distruttiva sindrome da abbandono).

Fondamentalmente non esistono modalità che permettono a chi è abbandonato (ooops lasciato) di non soffrire, ma al contempo esistono modalità che permettono di stare ancora più di merda. E non credo che ci sia da fare una questione di genere. Tranne forse che gli uomini sono leggermente più bravi delle donne a fare in modo di essere lasciati. Non decidono di mettere fine ad un rapporto ma riescono a far si che tu debba essere costretta a dire basta. Chapeau.

Annunci
15 commenti
  1. Lasciarsi è sempre un dramma. Riuscire a farlo senza strappi e lacerazioni una conquista. E l’armonia dopo si ricrea. Anch’io ho letto il post di masticone e sono rimasta senza parole per la sua bellezza.

    • elinepal ha detto:

      🙂 un grand’uomo

  2. frz40 ha detto:

    Tout casse, tout passe, tout lasse. Et tout se remplace, Eli. (Meno la cagnolina)

    • elinepal ha detto:

      vero. ne sono la prova 🙂

    • il faut savoir mènager la chèvre et le chou

    • frz40 ha detto:

      C’est la chèvre la plus difficile à ménager

    • elinepal ha detto:

      Sono alle prese con il dizionario. Ma per chi mi avete preso….. Comunque ho capito. Anche se non so se la chèvre è una metafora che mi riguarda….. 🙂

    • pas du tout

    • elinepal ha detto:

      ti ho intristito!

    • sì, soprattutto perchè hai accennato al luogo comune, che noi uomini siamo più bravi in questo “gioco”: ma siamo sempre più bravi nelle cose meno edificanti?
      w cicoria!

  3. elinepal ha detto:

    Si, è vero è un luogo comune. Però è anche la mia esperienza. Magari ho fatto male a generalizzare però devo dire che è un fenomeno preciso, che ho analizzato. Ovviamente non vale per tutti. Che esistano uomo meravigliosi ne sono certa…. 🙂

    • … anch’io 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: