meno 232 – il grande cocomero

Non so se nelle altre parti d’Italia è così, ma a Roma oramai sono tutti pazzi per Halloween. Neanche a dirlo che ai miei tempi non era festa conosciuta.

Anzi per la verità la conoscevo tramite le strisce di Peanuts. Charlie Brown nell’orto in mezzo alle zucche in attesa del Grande Cocomero. Io tutti gli anni compravo il diario di Linus ovviamente. Quando andavo a scuola. Per essere sincera anche quest’anno ho un’agenda di Linus. Una moleskine ma con la copertina con il bambino dalla testa rotonda e Snoopy. Non si finisce mai di crescere. Per la verità è stata un po’ masticata da Cicoria. Avrà avuto i suoi motivi. Oramai siamo troppo in sintonia.

Ma sto divagando e non è bene, torniamo a noi.

Qualche anno fa, parecchi oramai, quando la ventunenne era ancora piccina, (stasera m’è presa con le subordinate, abbiate pazienza) si sentiva parlare di Halloween solo perché nel quartiere abitano molti americani. Era una ricorrenza tutta loro, che però anche i nostri figli, italiani, avrebbero amato festeggiare.

Ad un certo punto, non so più quando, la Festa ha preso piede. I locali hanno incominciato a decorarsi di zucche e ragnatele. Gruppi di ggggiovani  hanno iniziato a mascherarsi. E non c’è stato più freno. Ormai si inizia dal 15 ottobre a vedere in giro inviti a forma di zucca e il piccoletto da un paio d’anni ha avuto la sua maschera ed è voluto andare in giro a fare dolcetto o scherzetto. Quest’anno sarà vestito da Morte. Maschera ancora tutta da studiare.

Da parte mia lo trovo divertente anche se totalmente assurdo. Mi diverte scavare la zucca e metterla alla  finestra con la candela accesa per spaventare gli spiriti. Ma mi fa orrore tutto il commercio e il merchandising di contorno. Che si confonde con l’inizio di quello natalizio che di anno in anno anticipa sempre di più i tempi. Al momento nei grandi magazzini si confondono zucche e palline per la decorazione dell’albero. E’ proprio il caso di dire che non c’è più religione.

Per rimanere nei luoghi comuni non c’è neanche più la mezza stagione. Oggi sono passata direttamente dalle maniche corte alla sciarpa.

Ok metto fine a questo sciagurato post. Solo un’ultima considerazione. Nel caso i Maya fossero all’ascolto. Non ve la aspettavate una confusione simile, eh?

Annunci
21 commenti
  1. Se è per questo non ci sono nemmeno più le donne di una volta… 😕
    Mia figlia, quando era piccina, Halloween lo chiamava “Aulin”, così per me tale è rimasta questa festa.
    In realtà noi padani siamo legati a queste feste nordiche e di zucche ne abbiamo a iosa: basta andare nei consigli regionali… :mrgreen:

    • elinepal ha detto:

      raccontami un po com’erano le donne una volta

  2. Guisito ha detto:

    La festa di Halloween è un’occasione in più per tornare fanciulli, ridere, scherzare ed esorcizzare la morte. Prendere le cose alla leggera ogni tanto alleggerisce il peso dei giorni.

    • elinepal ha detto:

      figurati se non mi ci tuffo in un’occasione per tornare fanciulla! però mi sembra solo la solita roba inventata tanto per fare commercio. Per i bambini comunque è un divertimento, e quindi vada pure per Halloween…..

  3. cavaliereerrante ha detto:

    Ciao … cara @Eli … vedo che Tu ed @Aqui … siete piuttosto mattinieri … al contrario di me, che se non sono almeno le “2” o le “3” del giorno …. mi piace poltrire al letto ! 😀
    Di quella straordinaria congrega di bambini ( riassunti tutti nella stravagante, sognante e creativa vena di @Snoopy ), di quei piccoletti, che perennemente giocano e vivono in un metro quadrato di spazio facendolo diventare un universo senza limiti e che sono la realistica metafora dell’ immortale fanciullino che alberga in noi, penso che pochi Poeti, nel tempo e nella nostra storia, abbiano saputo parlarne così compiutamente e prodigiosamente come riuscì a fare il loro indimenticabile @Autore ….
    Quanto alle “zucche vuote” da esporre per @Halloween, inserendovi dentro una piccola luce per un sola notte … per una volta non mi trovo d’ accordo con il mio amico ‘parapadano’ …. 😦
    Ennò, non è necessario andarsi a sorbire un consiglio regionale dalle sue nebbiose ( e splendide … ) parti per averne in abbondanza da esporre nella notte sacra ai bimbi nord-americani : basta farsi un giretto in una qualunque strada d’ Italia, o per essere precisi, del mondo, per trovarne altrettante …. se non di più !
    E non c’ è bisogno neanche di scavarle a fondo per toglierne polpa e semi …. a questo, ci ha già pensato FB, o Twitter o altre tecnologie simili che, al contrario del grande @Scultz, non vi hanno lasciato dentro nemmeno l’ ombra dell’ ombra di un’ oncia di cervello ! :mrgreen:

    • elinepal ha detto:

      Ciao errabondo, ben alzato.
      Mi sa più che altro che io e @aquila siamo due anziani insonni. Sposo tutto quello che hai detto su Shultz (molto meglio di me) e tutto quello che hai detto su Halloween (molto meglio di me). Buona giornata 🙂

  4. Ho la 24enne che sta “a rota” (ho capito che vivi a Roma quindi mi capisci se uso il gergo) con Walking Dead, la nuova serie di Fox. Perche’ dico questo? Innanzitutto perche’ adoro le incidentali o parentetiche. Poi perche’ l’altra sera, in netto anticipo su Halloween, ad Amsterdam c’e’ stato un gigantesco corteo di Zombies sponsorizzato da Fox, la rete che trasmette Walking Dead.
    Questa storia di Halloween e’ un sottoprodotto della globalizzazione. Detestabile, per quanto mi riguarda. E peivo di senso anche culturalmente, essendo un qualcosa legato alle tradizioni e alle saghe nordiche.
    Tu dici “non c’e’ piu’ la mezza stagione”? E allora beccate questa: Mala Tempora Currunt. Tie’. 😆

  5. elinepal ha detto:

    Ahia!! Qua se faccio qualche errore grammaticale vengo subito beccata! Colpa mia che voglio fà la blogger. Per i Tempora spero che almeno lì a voi stiano “Correndo i Bona”. Un abbraccio.

  6. cavaliereerrante ha detto:

    Oh … “i tempi corrono male” ?!? 😯
    Naaaaaa … quelli corrono assai bene, e ci lasciano non di rado ( … taci loro ), ‘co’ ‘na mano davante e una de dijetro’ !
    Ps. @Eli … ehm ! Hai voluto la bicicletta, eh ??? E allora … pedala ! 😀 . E per eventuali errori di grammatica o traduzioni ‘maccheroniche’ dal latino ( come sopra ho fatto io … ), non ti crucciare più di troppo : perfino gli “@unti ( o imbrattati ) del signore” …. non sono indenni da siffatti sbagli, come il @pornonanoimpazzito ci ha recentemente, ed ulteriormente, dimostrato ! :mrgreen:

  7. elinepal ha detto:

    Figurati, celiavo! Nun me metto scuorno e sbaglià. Che poi magari qualcosa voi me la imparate. 🙂
    piesse comunque tacci loro è con due c

  8. cavaliereerrante ha detto:

    Ehm … sì ! 😳
    Con due “C” …. 😦
    Ma sai @Elì ???
    Volevo fare il ciovile !! :mrgreen:

    • elinepal ha detto:

      😛

  9. Bona tempora currunt around here in the Far North, ma ahimé siamo al capolinea visto che stasera si rientra… E però abbiamo un succoso ponte che cercheremo di sfruttare al meglio! Errori grammaticali francamente non ne ho visti sinora, e anzi apprezzo la proprietà di linguaggio, che di questi tempi è merce rara assai!
    Ah e per il romanesco dei frequentatori volendo posso fornire ripetizioni for free, aggratise come se dice. 😉

  10. elinepal ha detto:

    Eccerto. Qua chiunque pensa di poter parlare romanesco! E’ un idioma preciso! Anzi anche noi romani mi sa che non lo conosciamo più. Quindi se organizzi dei corsi…. Buon felice rientro!!!

  11. A parte il fatto che vedo che avete iniziato a parlare lingue straniere, sulla questione delle “donne di una volta”, come vuoi che te lo spieghi? A fascicoli settimanali? Su dvd? Oppure vengo direttamente? :mrgreen:
    P.S.: anziano a chi? 👿

    • elinepal ha detto:

      Caro @Accipitride libero di decidere sotto quale forma elargire le tue lezioni. Dopo i cinquanta una volta si andava in pensione…. diciamo maturi?

  12. cavaliereerrante ha detto:

    Parlà ‘in romanesco’ … è ‘n’ invadenza,
    perchè nun bbasta de sceije’ le parole
    e dasse ‘n tono, ‘na voce, ‘na presenza,
    pe’ fa’ mmutà li bbroccoli … in vijole
    o le patate in fijori da semenza :
    cjè ‘r rischijo de’ scambijà l’ orti e l’ aijole !!! :mrgreen:

    • elinepal ha detto:

      Grande! Aver virato dalle zucche di Halloween allo stornello romanesco è la più grande soddisfazione avuta da questo sciagurato blog.
      ….Vabbè…. diciamo … la seconda più grande ……

    • elinepal ha detto:

      Ma è tua? Cioè l’hai scritta tu @errante?

  13. cavaliereerrante ha detto:

    Sì …. talvolta mi diverto così, ‘alla come viene viene’ ! 😀
    Altre volte … inseguo l’ @Ariosto …
    A tanti piacciono questi miei versi .. e qualche volta, pure a me ! 😳

    • elinepal ha detto:

      e anche a me

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: