meno 252 – lontane e vicine

La ventunenne se n’è andata.

Detta così è tragica. E’ solo a tre o quattro chilometri in linea d’aria.

Ma non abita più qua.

E allora cosa è successo in questi quindici giorni?

Considerato che già i nostri orari erano parecchio differenti, tipo che quando io e il piccoletto uscivamo la mattina per andare a scuola lei di solito ancora dormiva e ci saremmo riviste solo la sera, in fondo non molto. Perché comunque ci si sente e ci si vede lo stesso.

La differenza però è cercarsi. Non dare per scontato che ci si incontri a casa per cena o sentirsi per sapere se e quando sarebbe rientrata.

Chiamarci invece per sapere come va, solo per la voglia di parlarci. Vederci perché ci va di incontrarci e non perché si è nella stessa casa.

E’ una differenza importante. E’ un passaggio basilare. E’ il rapporto tra due adulti. Anche se io sono sempre la mamma e lei è il mio amore grande.

Annunci
7 commenti
  1. Chi ha detto:

    Lacrima.
    Con una precisazione però, che ti ho sempre cercata anche quando “ti davo per scontata”, perché il nostro è uno specialissimo rapporto “tra adulte” da un bel po’.
    Ci vediamo domani mami!

    • elinepal ha detto:

      Lacrima,
      E’ vero amore.
      (ma lasciami un po’ licenza artistica)
      A domani.
      bacio

  2. Elena ha detto:

    La mia bipede comincia a dire che studierà all’estero….se così sarà non tornerà 😦

    • elinepal ha detto:

      vuol dire che approfitterai per farti bei viaggi per andarla a trovare 🙂

    • Elena ha detto:

      Chissà…vedremo…

  3. Indubbiamente il distacco è un passaggio fondamentale nella crescita di una persona.
    Che poi, a essere sinceri, ci sono diverse forme di distacco e questa è, in fondo, quella meno dolorosa.
    Ora però qual è il rischio?
    Che il tuo chiocciamento si riversi tutto, ma proprio tutto, sul povero piccoletto, il quale forse starà pensando: “quasi quasi me ne vado pure io…” 😀
    P.S.: in alternativa potrebbe pensare: “Quasi quasi trovo un uomo per la mamma, così sta un po’ su da dosso…”

    • elinepal ha detto:

      Mi sa che mi hai dato una buona idea. Mando anche il piccoletto a vivere dal padre. Affitto un monolocale e mi riprendo dieci anni di vita. Riguardo gli uomini, la mamma – ringraziando il cielo – ancora riesce a trovarseli da sola. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: