meno 334 – piccoli uomini

Aiutare a crescere un piccolo uomo non è una mission impossible, ma ci siamo vicini.

Nonostante abbia avuto un gran numero di segnali che mi confermano che ho  il dono di fare figli meravigliosi,  mentre sulle questioni riguardanti la figlia femmina mi sono sentita impotente e impreparata, ma con tutti gli strumenti necessari a capire come affrontare la mission di madre, per il maschio mi interrogo continuamente su quale errore irreparabile io stia commettendo di momento in momento con il risultato di creare  un altro essere umano di sesso maschile con gravi disturbi della personalità. Non che io creda che tutti i disturbi della personalità degli esseri umani di sesso maschile dipendano dalla madre, ma certo è che la letteratura questo insegna.

Per di più non aiuta avere, per il piccolo essere umano di sesso maschile in questione, un riferimento dello stesso sesso che è mediamente più materno di una mamma.

Non resta che diventare più paterne di un padre? Mi sembra di essermi incartata abbastanza.

Non è che io passi la vita a interrogarmi su questo tema, però saltuariamente cerco di farci attenzione.

Dovrò portarlo allo stadio prima o poi?

Dovrei cercare di fare a botte con lui? (normalmente tendo a cose più soft tipo leggere un libro insieme)  o magari vale anche una gara di nuoto in piscina?

Anche se tento di essere impassibile quando lui mi dice: “mamma sei la mamma più bella del mondo” oppure “ti voglio sposare”, il fremito di piacere e di orgoglio che provo passerà inosservato?

Basterà tentare di insegnare a lui le stesse cose  che ho tentato di insegnare alla femmina tipo: le tazze della colazione non si incamminano da sole verso la cucina, il dentifricio spalmato sul lavandino mi fa venire i conati di vomito, io cucino ma non apparecchio la tavola, ecc… ecc… con l’aggiunta (ovvia) di: la tavoletta del water va alzata e poi riabbassata; o devo preventivamente cercare di abituarlo a ogni tipo di lavoro domestico in modo tale che la sua futura compagna/moglie/fidanzata mi telefoni per ringraziarmi?

Non so, continuerò ad interrogarmi.

Oggi intanto ho fatto la mia parte paterna lavando la macchina con lui, a mano. Raggiungendo due obiettivi impossibili: fare una cosa da maschio ed avere la macchina pulita (quasi).

Annunci
2 commenti
    • elinepal ha detto:

      😕

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: