meno 340 – addio

Accompagno la ventenne alla stazione. E’ stata da me al mare  per due giorni finiti gli esami e ora torna in città. Tra tre giorni parte per la Scozia per un mese e mezzo. Mentre andiamo mi dice: oddio! un addio dal treno che parte. Io, madre esemplare per niente chioccia, minimizzo. Maddai! ci sentiamo stasera per sentire come stanno i pelosi, e poi domani….ci sentiamo ancora.

E mentre la saluto, alla stazione, evito di dire: metti in valigia una maglia di lana che li fa freddo, e : mi raccomando mangia cose sane, e: cerca di chiamarmi quando puoi, e : mi mancherai troppo! Sono una madre moderna che sa che i figli ad una certa devono prendere la loro strada, e che qualunque crisi passino è solamente un momento di crescita, e che comunque sanno che tu ci sei anche se non ti fai vedere…. ecc.

Arriva il treno, lei dice: vabbè vai, non cìè bisogno che rimani fino alla partenza. Io, senza farmi vedere, rimango fino alla partenza. Poi salgo in macchina e … per terra, davanti al suo sedile vedo il suo cellulare. Cavolo, cavolo, cavolo. (in realtà sarebbe c…o, c…o, c…o) In quel momento squilla. E’ una sua amica. Le rispondo rantolando: CAVOLO, … è partita e ha dimenticato qui il cellulare! Lei, che non ha capito il DRAMMA: vabbè tanto poi torna a casa e lo riprende. NOOOO! IO SONO AL MARE E LEI TRA TRE GIORNI PARTE PER EDIMBURGO! Ah, fa lei, Cavolo!

Mi vengono in mente zero possibilità di farle avere il cellulare prima della sua partenza. Poi mi viene in mente che domani è il suo compleanno e sta organizzando un falò con i suoi amici ai cancelli (per chi non fosse pratico sono spiagge tra Ostia e Trovaianica) Poi mi viene in mente che stasera si deve vedere con uno….. anche fico (dice lei). Come fa a organizzare tutto questo senza il cellulare? E quando si accorgerà di non averlo?

Riattaccato con l’amica chiamo il padre. La linea è disturbata. Non mi capisce. Richiamo. Nel frattempo ho messo in moto e con la macchina torno verso la spiaggia dove ho mollato il piccoletto con l’amica vacanziera ed il suo, di piccoletto. Tra un po’ il sole tramonta e devo riprenderli. Nel frattempo, linea permettendo, il padre ha capito il DRAMMA e mi dice che andrà a prenderla in stazione e le dirà che il telefono l’ho io. Al momento mi sto scervellando per capire chi posso beccare che entro massimo due giorni torni a Roma con il suo cellulare. Che in quel momento squilla. Numero sconosciuto. Decido di rispondere infrangendo il tabù della sua privacy. Sento una voce di ragazza che mi dice: Mamma sono io!

Si è accorta che ha lasciato il cellulare, ha chiesto ad una ragazza di chiamare, le dico che ce l’ho io. Mi dice: scendo alla prima stazione e torno indietro. Le dico: no vengo io a portartelo. Bene, riattacca.

Cavolo! Ma qual’è la prima stazione? E tra quanto arriva? E poi non posso mollare i piccoletti e l’amica sulla spiaggia!

Richiamo il numero sconosciuto. Me la passano. Rimaniamo che mi fa sapere a quale stazione scende. Arrivo alla spiaggia e corro in fondo dove la mia amica e i piccoletti stanno facendo il bagno. Mi sbraccio. L’amica mi saluta. Noooo! Mi risbraccio. Lei mi risaluta. Non ho altra soluzione: metto le mani a cono attorno alla bocca e urlo: “HA DIMENTICATO IL CELLULARE ! DEVO ARRIVARE A M.!”

Tutta la spiaggia ha capito cosa è successo ma la mia amica, vento contrario purtroppo, no! Alla fine si avvicina e le spiego. Ricorro alla macchina. Il posteggiatore della spiaggia mi guarda veramente stupito. Gli lancio un euro e schizzo via.

Lungo la strada, sono circa venti chilometri, penso a cosa siamo ridotti per un telefono. E poi penso a lei a Edimburgo che perde il cellulare, e non può comunicare con me, e non sa come fare! E poi penso: le devo dire di comprare subito una ricaricabile e via! Già ma se non ha il cellulare dove se la infila la ricaricabile! Dovrebbe avere un cellulare di riserva nel caso che ….. ALT Reset. Stoppa tutto. Così non va bene. Qualunque problema avrà, sarà in grado di risolverlo.

Nel frattempo arrivo al bivio per M. A sinistra c’è M. Paese, a destra M. Marina. Nessun segnale per la stazione. Tipico. Mi ricordo che la ferrovia va lungo la costa. Giro per M. Marina.

Arrivo alla stazione. Lei mi aspetta sotto un oleandro tutto fiorito di rosa. Sorride timida, come con un senso di colpa. Rido. Lei ride. E poi, salita in macchina, ridiamo tutte e due alle lacrime alla descrizione del panico che ha creato sul treno.

Le do il suo telefono e un bacio e torno verso la spiaggia. (Il posteggiatore mi sorride comprensivo).

Annunci
2 commenti
    • elinepal ha detto:

      assolutamente no 🙄

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: