Chi uccide i nostri figli

world press foto 2012 – Samuel Aranda

Quando ho aperto questo blog avevo deciso di mantenere un tono leggero, ironico. Di tradurre in questo senso tutte le istanze che mi hanno portato a scrivere e a rendere pubblico ciò che scrivo.  Ma quando il cuore urla non si può fare ricorso a nessun interpete. Bisogna urlare.

Sul giornale di oggi il funerale di una ragazza di 16 anni dilaniata da un’esplosione. Altre cinque coetanee in ospedale, ferite in modo grave.  Su tutte rimarranno i traumi, le cicatrici. Corpi adolescenti violati dal metallo e dal fuoco. E la loro vita segnata per sempre. E poco importa la matrice di questo orrore. E’ proprio loro che dovevano essere colpite, ferite, uccise, bruciate, dilaniate.

Sempre sul giornale di oggi un ragazzino di quindici anni è stato scaricato da una macchina ferito a morte da due colpi di arma da fuoco, al petto e alle gambe. Fa meno notizia. Era Rom e probabilmente stava rubando.

Ancora sul giornale di oggi. Un uomo, quarantenne, pubblicitario, depresso per aver perso il lavoro, lancia i figli dal settimo piano davanti alla moglie impietrita, prima quello di quattordici mesi poi quello di quattro,  e poi si getta anche lui.

Ogni volta che attraverso il Tevere davanti a Regina Coeli non riesco a staccare lo sguardo dai tanti pupazzzi e fiori e messaggi d’amore lasciati sul ponte, nel punto dove all’inizio di febbraio un altro giovane uomo lanciò il figlio di 16 mesi nel fiume dopo averlo portato via dalle braccia della nonna.

Episodi lontani. Storie diverse, diverse cause. Ma in tutte la sconcertante brutalità di esseri che si accaniscono sui propri cuccioli. Dove sono l’istinto di conservazione della specie e il senso di protezione che tutti gli animali hanno verso i piccoli?

Image from the film "Matrimonio all'Itali...

In questi ultimi giorni ho visto due opere di Eduardo De Filippo. Matrimonio all’Italiana, film di De Sica del 1964 tratto da Filumena Marturano, con Marcello Mastroianni-Domenico Soriano e Sofia Loren-Filumena Marturano. E poi il saggio del terzo anno degli allievi dell’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico, che hanno portato in scena Napoli milionaria diretti da Arturo Cirillo. Filumena è una prostituta, che sopporta per venti anni i soprusi e le angherie dell’uomo che pure l’ha tolta dalla strada, ma che non ha mai ricambiato il suo amore. E sopporta tutto fino all’ultimo inganno con cui si fa sposare, solo per crescere e far studiare e poi dare un nome ai suoi tre figli.

In Napoli milionaria il Ragioniere Spasiano, pur essendo stato strozzato, privato di tutti i suoi beni per nutrire i figli durante la guerra con i traffici di borsa nera che faceva Amalia, le porta la medicina per salvare la vita della figlia piccola senza chiedere niente in cambio. Perchè sulla salute dei  figli non si specula.

Era l’Italia del dopoguerra e nella società esisteva, forte, un senso di protezione verso i bambini e i ragazzi. Di tutti, anche quelli degli altri.

E’ figli non si pagano e noi dobbiamo ancora passare la nuttata.

Annunci
2 commenti
  1. Non è per voler essere pessimista a tutti i costi (anche se mi ha sempre affascinato quello leopardiano), ma del passato abbiamo perso le cose buone e del futuro stiamo anticipando soltanto quelle cattive.
    C’è un peggioramento costante della qualità della vita, aggaravato, qui in Italia, da un popolo alquanto vigliaccozzo.
    Quando si è fatto un passo avanti, subito ne seguono tre indietro.
    Vabbeh, ho capito. Sono un po’ pessimista… 😕
    P.S.: però vedere la faccia di La Russa che tenta di commentare il traccolo del PDL alle elezioni mi offre un guizzo di serenità (e forse anche di speranza)… :mrgreen:
    Ciao

    • elinepal ha detto:

      Più che tra i pessimisti ti metterei tra i realisti.Pur mantenendo i giusti distinguo tra situazioni e situazioni, perchè è anche vero che nei confronti dell’infanzia dallo sfruttamento del lavoro alle modalità educative, alcune cose sono decisamente evolute in meglio.
      Comunque le facce dei politici che in questi giorni ci spiegano i risultati delle amministrative sono tutte egualmente esilaranti. 🙂 Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cronache di un pigiama rosa

Home - Books - Food - Lifestyle

sottoscrivo

IL BLOG DELLA SCRITTURA DI GIANFRANCO ISERNIA

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

Un Mate Amargo

Nessun uomo è un'isola

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

SWING CIRCUS ROMA

#SWINGMENTALATTITUDE

p e r f a r e u n g i o c o

comunità, spazio di incontro, condivisione e, naturalmente, gioco!

Luca Caputo

Just another WordPress.com site

iltiramisu.wordpress.com/

APPUNTI, FATTI, MISFATTI, RISORSE E METODI LEGALI PER TIRARSI SU.

Stoner: il blog letterario della Fazi Editore

Un blog letterario ideato dalla Fazi Editore per tutti gli amanti della letteratura

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

Sunflower on the Road

"Se non si riesce, dico io, a rendere quel che si scrive al meglio delle nostre possibilità, allora che si scrive a fare? Alla fin fine, la soddisfazione di aver fatto del nostro meglio e la prova del nostro sforzo sono le uniche cose che ci possiamo portare appresso nella tomba." Raymond Carver

Tiziana' s Masserizie

La ricerca dei particolari e' l'obiettivo costante

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: